Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

I “Diari” di Carmen Hernández: un sofferto canto d’amore a Gesù

V.S./Wikipedia
Condividi

Nella “Notte oscura” della co-iniziatrice uno dei segreti della fecondità del Cammino Neocatecumenale

Oggi a Roma alle 18.00, presso l’Auditorium Centro Congressi Cei verrà presentato il libro “Diari. 1979-1981” (Cantagalli editore) di Carmen Hernández Barrera, co-iniziatrice insieme a Kiko Argüello del Cammino Neocatecumenale, morta il 19 luglio 2016 all’età di 85 anni. Interverranno il cardinale Cristoph Schönborn, arcivescovo metropolita di Vienna e presidente della Conferenza Episcopale dell’Austria, Costanza Miriano, giornalista e scrittrice e Kiko Argüello.

Carmen ha tenuto i suoi Diari per trent’anni, il libro ne raccoglie i pensieri dal 1979 al 1981, ma poco a poco ogni scritto verrà pubblicato “per il bene spirituale dei fratelli del Cammino e della Chiesa” (Kiko Argüello).

Papa Francesco: La sofferenza di Carmen trasformata in offerta

Con queste parole Papa Francesco apre il libro, ringraziando Kiko per averglielo donato e riassumendone il significato profondo:

«Mi rallegra molto il fatto che attraverso queste pagine si renda tangibile la testimonianza di un grande amore a Gesù, la cui luce trasforma la sofferenza in offerta, la stanchezza in allegria, la vita in un tempo per evangelizzare».

Sempre in comunione intima e amorosa con Gesù

Sì, è proprio così. Scorrendo i passi dei “Diari”, le confessioni dell’autrice, i suoi pensieri, anche quelli più amari e pieni di solitudine, hanno il sapore dell’offerta. In ogni pagina sono potentissimi l’amore e la comunione con Gesù, la relazione profonda con Lui a cui affida i piccoli momenti della giornata, le sofferenze, le gioie, le prove che vive in un dialogo ardente e incessante.

50 anni di missione itinerante

Cinquant’anni di missione itinerante senza fermarsi mai: viaggi, scrutini, visite a tante comunità a Madrid, Zamora, Barcellona, Parigi, Roma, Firenze, Ivrea… “Ascoltando e ascoltando ogni fratello sulla sua vita, le sue sofferenze e la sua storia, illuminandola alla luce della fede, della croce gloriosa di Nostro Signore Gesù” (Kiko Argüello).
Carmen scrive ogni giorno, ogni notte, in ogni luogo del mondo dove si trova per annunciare il Vangelo, e le sue parole sono preghiera, supplica, lettera d’amore.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni