Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Gesù non è un distributore di miracoli, ma Qualcuno che ti ama”

Jesus Christ on the cross © Anilah / Shutterstock
Condividi

"Se ti accorgi di questo amore, hai ricevuto molto di più di una semplice guarigione" don Luigi Maria Epicoco

Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samarìa e la Galilea.
Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati.
Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano.
Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». E gli disse: «Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato!». (Luca 17, 11-19)

Non nascondiamoci dietro un dito. Il motivo più ricorrente per cui ci rivolgiamo a Dio è perché abbiamo bisogno. Infatti è proprio nei momenti più difficili che sale più pressante in noi la preghiera. Il dolore abilita di più le nostre preghiere, o per lo meno le rende più frequenti, più insistenti. Ma questo basta a dirci credenti? La storia raccontata nel Vangelo di oggi è davvero paradigmatica di tutto questo. Dieci lebbrosi cercano e trovano Gesù e gli chiedono di essere guariti. Sono tutti e dieci uniti dalla medesima disperazione. La lebbra è una malattia tremenda. Gesù non si lascia pregare eccessivamente. Li congeda quasi subito assecondando la loro richiesta: “Appena li vide, Gesù disse loro: ‘Andate a presentarvi ai sacerdoti’. E mentre essi andarono, furono purificati”. È bello pensare anche alla dinamicità di questo miracolo. La guarigione di queste persone accade in cammino, forse a suggerirci che ogni vera guarigione implica un cammino. Ma la vera variabile di questa storia sta in uno di questi dieci: “Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo”. Gesù non è un distributore di miracoli, ma Qualcuno che ti ama. Se ti accorgi di questo amore, hai ricevuto molto di più di una semplice guarigione: “Alzati e va’, la tua fede ti ha salvato”. Salvo è molto meglio di guarito, non credi?

#‎dalvangelodioggi‬

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.