Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

4 fattori comuni che potrebbero essere responsabili del vostro cattivo umore

Shutterstock
Condividi

Prima di prendere le vostre emozioni troppo sul serio leggete qui...

Abbiamo tutti sentito dire che la giustizia ha a che fare tanto con la legge quanto con quello che il giudice ha mangiato a colazione, e non è uno scherzo. Uno studio ha seguito davvero otto giudici con facoltà di concedere la libertà condizionata per dieci mesi per vedere se c’era qualcosa di vero in questa affermazione, e i ricercatori hanno scoperto che “la possibilità di una sentenza favorevole era superiore all’inizio della giornata lavorativa o dopo una pausa con consumo di cibo piuttosto che negli altri momenti”.

“I prigionieri abbastanza fortunati da affrontare la corte quando i membri di quest’ultima erano ben nutriti e riposati aveva quasi il 65% di possibilità in più di ottenere la libertà condizionata”, ha spiegato Alex Mayyasi a Priceonomics. “Col passare del tempo, invece, le possibilità di una decisione favorevole diminuivano, e l’ultimo prigioniero prima della pausa non aveva quasi alcuna chance di ottenere la libertà condizionata”.

Non dubito del fatto che i giudici siano persone degne d’onore che svolgono un lavoro particolarmente delicato, e lo studio ha i suoi limiti come tutte le ricerche, ma l’ho trovato piuttosto utile per quanto riguarda la mia vita. Sono più autoritaria subito prima dei pasti e più gentile subito dopo. Anche se cerco di essere coerente, è indubbio che il mio tasso glicemico a volte guidi le mie scelte.

Per il bene di chiunque, compreso il mio, sto cercando di tenere a mente quali fattori esterni potrebbero influenzare il mio giudizio. La prossima volta in cui sarò tentata di pensare che sono furiosa o impaziente perché la mia vita è tanto difficile, per questo o quel commento di mio marito o per il comportamento di mio figlio, controllerò se il colpevole non è per caso uno di questi fattori…

Indice glicemico

Nessuno vi è immune. Il cervello ha bisogno di zucchero per funzionare bene, e quando il corpo ha esaurito la sua riserva, o perché ha dovuto processare troppo zucchero troppo velocemente o semplicemente perché non mangiate niente da un po’, probabilmente potete dare la colpa del vostro cattivo umore allo stomaco.

Stanchezza

Mia nonna ci diceva sempre “Quando sei stanco non fidarti di alcuna emozione che provi”. È il miglior consiglio che abbia mai ricevuto. Se ci si sente male la mattina quando si dovrebbe essere riposati bisogna affrontare il problema, ma essere stanchi amplifica qualsiasi emozione sgradevole. La privazione del sonno non solo ci fa pensare in modo meno chiaro, ma influisce anche sul nostro potere di autovalutazione. Abbiamo più probabilità di pensare che le nostre conclusioni siano ragionevoli quando chiunque altro può vedere bene che non lo sono.

Ormoni

Anche gli uomini sono soggetti ai cambiamenti ormonali, ma in genere accade in modo più graduale, e quindi questo vale soprattutto per le donne. Siete incinte, avete partorito da poco o siete nel periodo premestruale? Lo so, noi donne affrontiamo cambiamenti d’umore per via degli ormoni fin dall’adolescenza, ma non è insolito rendersene conto solo dopo. “Oh, non mi meraviglio di essere stata tanto scorbutica! Non mi sono accorta che mi doveva venire il ciclo!” È un’altra ragione per tracciare il proprio ciclo mestruale, indipendentemente dal fatto che si abbia una vita sessualmente attiva. È bello sapere che i prossimi giorni saranno difficili ma li supereremo.

Transizioni

Qualcosa vi ha sottratto di recente alla vostra routine? Non dev’essere una cosa decisiva come un trasferimento o un nuovo bambino, e non sono solo i cambiamenti negativi a influire sul nostro umore. Forse avete solo iniziato ad andare a un corso, cambiato l’orario lavorativo, avete più da fare, avete iniziato o terminato un rapporto, cominciato una nuova dieta, smesso di fare esercizio fisico, qualsiasi cosa. Potrebbe essere il cambio di stagione, o l’ora legale. Siamo creature abitudinarie, e sottovalutiamo quanto le abitudini significhino per noi. Quando i cambiamenti provocano ansia o depressione si parla di disordine da adattamento, ma anche quando non è un disordine vero e proprio ci può dare del filo da torcere. A volte vale la pena di aspettare che la vita torni ad essere normale prima di entrare in panico e cercare di compiere grandi cambiamenti per risolvere il problema.

Non mi sentirete mai dire alle persone di ignorare le loro emozioni. Le emozioni sono una reazione legittima al mondo, e ci offrono informazioni importanti su ciò che è buono e ciò che non lo è nella nostra vita, ma sono soggette a mille influenze, e vale la pena di fermarsi e assicurarsi che si tratti di reazioni appropriate prima di prenderle troppo sul serio.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.