Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quando l’arte urbana è causa di polemica, quale rifugio per l’artista?

STATUE JOHN PAUL II
Cyril BADET I CIRIC
La sculpture en bronze représentant Jean Paul II. Œuvre de l'artiste Zurab Tsereteli, offerte à la ville de Ploërmel dans le Morbihan.
Condividi

L’integrazione di opere d’arte nella strada non lascia indifferenti i passanti e scatena spesso polemiche. Quale che sia il messaggio che esse veicolano, si trovano talvolta messe in discussione, a torto o a ragione. A fronte delle pressioni dell’opinione pubblica, delle istituzioni o dei gruppuscoli ideologizzati, dove l’artista può trovare riparo?

Protezione dell’opera e diritto morale dell’artista

Che le degradazioni vengano dalle istituzioni o dai vandali, l’opera non è sguarnita di protezione. L’artista creatore di un’opera dispone di un diritto morale, e di diritti patrimoniali, su di essa. Se i diritti patrimoniali sono sovente ceduti al comune in cui l’opera è installata, il diritto morale permane inalienabile, perpetuo e imprescrittibile. A tale titolo, l’artista può opporsi a ogni modificazione della propria opera. Questo diritto è garantito, in Francia, dall’articolo L. 121-1 del codice della proprietà intellettuale, ma pure da testi internazionali che si impongono alle autorità francesi in virtù dell’articolo 55 della Costituzione. Così, la Convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie e artistiche, del 9 settembre 1886, documento ratificato dalla Francia, prevede che

l’autore conservi il diritto di rivendicare la paternità dell’opera e di opporsi a ogni deformazione, mutilazione o altra modificazione dell’opera o a ogni altro attentato alla medesima opera.

Infine, il diritto europeo e il diritto comunitario consacrano il diritto d’autore e la proprietà intellettuale come un diritto fondamentale.

A Ploërmel, l’artista non ha detto l’ultima parola

La decisione del Consiglio di Stato, in quanto essa ingiunge al sindaco del comune di Ploërmel di smantellare la croce sovrastante la statua di Giovanni Paolo II, mutila o modifica l’opera dell’artista Zourab Tsereteli. Da parte sua, l’artista potrebbe ricorrere in appello al tribunale competente per far cessare la turbativa illecita risultante dalla modifica dell’opera senza il suo consenso. Ancora di più, potrebbe sporgere querela penale presso un giudice per contraffazione di opera d’arte, se l’opera – alterata o modificata – venisse presentata al pubblico in violazione dei suoi diritti d’autore. In ultimo, siccome l’artista non è stato convocato alla presenza del Consiglio di Stato, mentre la decisione risulta evidentemente capace di danneggiarlo, la via dell’opposizione di terzo gli resta aperta ed egli ha tutte le facoltà necessarie a sollevare la questione della violazione delle norme internazionali, europee e comunitarie. In ultima istanza, quando la cosa non dovesse risolversi prima, Zourab Tsereteli potrà sempre appellarsi alla Corte europea dei diritti dell’uomo. Scolpita la statua da un artista russo, eretta nel Morbihan, la sua difesa potrebbe procedere da Parigi a Strasburgo passando per il Lussemburgo… Non abbiate paura!

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.