Aleteia

Endometriosi: una cura efficace contro il dolore

Condividi
Commenta

È una malattia benigna, insidiosa e progressiva: colpisce circa il 15% delle donne in età fertile. Il 60% ha sintomi chiari prima dei 20 anni.

A cura della professoressa Alessandra Graziottin, direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia medica “San Raffaele Resnati”

Nostra figlia ha 17 anni. Da quando si è sviluppata le mestruazioni sono diventate sempre più dolorose. Sta a letto con crampi tremendi, nonostante gli analgesici, non va a scuola, non esce con le amiche, piange e maledice di essere femmina… L’abbiamo già portata da tre diversi ginecologi. L’ecografia e la risonanza sono negative: non si vede niente di patologico, ci hanno detto. L’ultimo ginecologo ha proposto la laparoscopia diagnostica. È possibile che nostra figlia soffra dolori del genere e non abbia nulla? Era una ragazza allegra, ora è triste e depressa. Il suo dolore non è inventato: si vede che sta proprio male. Lei che cosa ci consiglia? (MARINA E ROBERTO C. FOGGIA)

_______________

Condivido la vostra giusta preoccupazione, gentili signori. Concordo: il problema di vostra figlia va affrontato e risolto al più presto, in modo pragmatico ed efficace. Per lunga esperienza clinica penso che i sintomi siano la prima cosa da ascoltare. Quando la mestruazione è così dolorosa da essere “invalidante”, in quanto interferisce con tutte le normali attività quotidiane, ha due possibili cause: cicli abbondanti ed endometriosi. Le due condizioni sono unite, perché il ciclo abbondante raddoppia il rischio di endometriosi.

Le ragioni del corpo…

Spiego subito perché l’endometriosi può già essere presente in vostra figlia, come in tante altre sue coetanee, causare un dolore tremendo e non essere, ancora, visibile con gli attuali mezzi di indagine. L’endometriosi è malattia benigna, insidiosa e progressiva: colpisce circa il 15 per cento delle donne in età fertile. Il 60 per cento ha sintomi chiari prima dei 20 anni, come sta succedendo a vostra figlia. Eppure il ritardo diagnostico si aggira sui 9 anni: la metà persi dalla famiglia prima di capire che quel dolore non è normale e il resto dai medici che non ci pensano o non “vedono” lesioni. È una malattia caratterizzata dalla diffusione e dall’impianto dell’endometrio al di fuori dell’utero. In condizioni normali questa mucosa cresce sotto l’effetto di estrogeni e progesterone, per prepararsi ad accogliere e nutrire l’embrioncino di una nuova vita. Si sfalda invece e si rinnova a ogni ciclo, in cui non ci sia stata fecondazione, originando la mestruazione. Quando l’endometrio si impianta in tessuti diversi dall’utero – tube, peritoneo, ovaie, vescica, intestino, ma anche tessuti al di fuori dell’addome – cresce e si sfalda sotto l’effetto degli ormoni sessuali come l’endometrio in utero. Ecco il danno: il sangue rilasciato dallo sfaldamento nei diversi tessuti è un potente fattore di infiammazione, di dolore e di lesioni funzionali e organiche progressive.

Che cosa provoca?

L’endometriosi non tempestivamente diagnosticata o non adeguatamente curata causa mestruzione invalidanti, dolore pelvico cronico, dolore durante i rapporti intimi con il proprio compagno in tutte le sue fasi, perdita di desiderio e impoverimento progressivo della sessualità e dell’intimità, riduzione della fertilità e menopausa precoce (se ha comportato asportazione di una o più cisti ovariche endometriosiche). Ecco perché avete ragione a preoccuparvi e a cercare una terapia efficace e precoce!

Mi sento depressa

L’infiammazione causa non solo dolore ma anche neuroinfiammazione e quindi depressione severa. Colpisce la giovane donna nella sua femminilità, fino a farle maledire ogni ciclo che le devasta la vita; nella funzione sessuale: sette donne su dieci con endometriosi perdono il desiderio a causa del dolore; ne risente la relazione di coppia con drastica riduzione dei rapporti e della fertilità. Il 32 per cento li ha solo per concepire, il 46 per cento solo per accontentare il partener e non perderlo. È  evidente come l’endometriosi riduca i rapporti intimi e induca la donna a sopportare l’abbraccio solo per concepire o per non restare sola.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni