Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 06 Febbraio |
Sant'Agata
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Se vi sottoponessero a processo, avreste prove sufficienti per dimostrare che siete cattolici?

screenshot

Catholic Link - pubblicato il 10/11/17

di Sivia Ordóñez

Una ragazza viene sottoposta a processo per il fatto di essere cattolica, ma alla fine arriva il suo avvocato e la “salva” dalla condanna perché non esistono prove del fatto che pratichi davvero il cattolicesimo. Questo video, prodotto da Outside of Da Box con uno stile particolare, ci porta a porci una domanda: sono cattolico o fingo solo di esserlo?

Forse la risposta non è un semplice “Sì” o “No”, perché la nostra fragilità umana ci fa cadere costantemente e alcune delle nostre azioni non saranno coerenti con quello che diciamo, ma è importante esserne consapevoli e trovare un modo per cambiare la situazione.

Guardando questo video mi sono identificata con la vita da cattolica che conducevo prima, e vorrei condividere con voi la mia esperienza. Non so se è una domanda che ci poniamo tutti, ma io sono arrivata a chiedermi perché sono cattolica. Dopo aver frequentato una scuola cattolica dai 6 ai 18 anni ed essere sempre andata a Messa di domenica con la mia famiglia, essere cattolica per me è diventata una sorta di tradizione o di dovere da rispettare.

Questo tipo di religiosità “di abitudine” è quello che viene anche mostrato nel video, che ritrae una ragazza, Jenny Smith, accusata di essere cattolica. “È forse un crimine?”, chiede lei sorpresa. “Certamente”, risponde il giudice. Mentre questi sta per dichiarare la colpevolezza di Jenny arriva il suo avvocato difensore, che di fronte alla dichiarazione del giudice per cui la questione è chiusa perché l’imputata ha ammesso la propria colpa, appunto il fatto di essere cattolica, dice ridendo: “Vostro Onore, sa bene quando me che la metà dei cattolici americani non è attiva e non pratica la propria fede. Sono certo che verificherà che si tratta di un semplice malinteso”.L’avvocato della difesa chiama Jenny, sempre più confusa, sul banco dei testimoni. “Perché sei cattolica?”, le chiede, al che la ragazza risponde: “Non lo so, perché lo sono i miei genitori”. Il suo avvocato mostra quindi il video di una conversazione di due settimane prima tra Jenny e la madre. Nel video si vede Jenny scendere dalla sua camera pronta per andare in chiesa e la madre dirle che se vuole andare deve cambiarsi d’abito, al che la ragazza risponde: “Sai una cosa? Odio la chiesa, e quando crescerò non ci andrò più”. L’avvocato vuole mostrare che Jenny è cattolica solo perché costretta dai genitori, ma l’avvocato dell’accusa dice che la giovane ha partecipato volontariamente a un ritiro, senza coercizione materna e paterna. La difesa però smonta la cosa ricordando che Jenny al ritiro stava simpatizzando con un altro partecipante, Ben, e che quindi non c’è andata per avvicinarsi a Dio, il che dimostrerebbe che non è davvero cattolica.“Un momento, io sono cattolica e mi piace esserlo!”, si difende Jenny, ma l’avvocato che dovrebbe difenderla continua: “Signorina Smith, quando è stata l’ultima volta in cui ha servito i poveri?” Jenny non lo ricorda. Dice poi di aver fatto volontariato in un ospizio, ma l’avvocato replica che è obbligatorio per fare la Cresima. La ragazza aggiunge che indossa una croce, ma l’avvocato dice che al giorno d’oggi è di moda.“Lo ammetta, signorina Smith”, le dice l’avvocato ridendo. “Lei può dire di essere cattolica, ma non ci sono prove”. Il giudice dichiara allora di non ritenere l’accusata colpevole di essere cattolica.

Quando sono andata a studiare in un altro Paese ho conosciuto molte persone di luoghi, culture, religioni e modi di pensare e di vivere totalmente diversi da quelli a cui ero abituata. È stato in quelle circostanze che mi sono resa conto del fatto che la mia religione era qualcosa che mi caratterizzava. Quando andavo a Messa la domenica mattina, tornando a casa le mie compagne di stanza mi chiedevano perché impiegavo il mio tempo ad andarci o semplicemente in cosa consisteva quello che praticavo. Quando ho iniziato a cercare delle risposte alle loro domande, ho cominciato inevitabilmente a pormi delle domande anch’io. È stata una tappa definitiva, una riscoperta del valore della mia religione e di come la praticavo. Non dovevo più solo preoccuparmi di andare a Messa la domenica, ma di vivere la mia fede e di mettere in pratica quello che spiegavo agli altri, anche se vivere in modo coerente non è stato affatto facile e continua tuttora ad essere una lotta quotidiana.

Tutti noi battezzati, praticanti o meno, facciamo parte del popolo di Dio, ed Egli con la sua misericordia e il suo amore infinito agirà in base alla situazione di ciascuno. Se cerchiamo di conoscere meglio Dio, di imparare a guardarlo in un altro modo, di parlargli di più e cercare di ascoltarlo per capire la vita in base al suo amore, vivremo un’esperienza trasformatrice ed essere coerenti sarà sempre più facile.

Le parole di Papa Francesco in una delle sue omelie calzano perfettamente con il messaggio finale del video, in cui la ragazza sottoposta a processo scopre che tutto ciò che ha fatto come cattolica è stato fatto per rispettare qualcosa, per accontentare qualcun altro e perfino per motivi superficiali come incontrare il ragazzo che le piaceva, ma non per vero amore. “L’amore dà slancio e fecondità alla vita e al cammino di fede”, e “senza l’amore, sia la vita sia la fede rimangono sterili”, ha ricordato il Pontefice.

Se credete di vivere la vostra fede in modo monotono o senza darle un gran senso, può essere un buon momento per ripensarci e decidere di dare un nuovo impulso al vostro rapporto con Dio.

QUI L’ORIGINALE

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
cattolicesimotestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni