Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne

Condividi

Al primo posto i "Diari" di Carmen Hernández, in seconda posizione "Soffro molto. Sto benissimo" di padre Maurizio Botta. Gli altri 3 scopriteli nella gallery!

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Ognuno di noi serba il ricordo di una biblioteca speciale…  quella nel salone di casa dei nonni, quella di una città dove si è stati in vacanza, quella di un film o di un cartone – ricordate La Bella e la Bestia? – , quella dove si sono trascorsi mesi e mesi per scrivere la tesi di laurea. Insomma: a tutti è capitato di ritrovarsi in una o più occasioni circondati da scaffali pieni di libri e libroni, impilati in ordine fino quasi al soffitto. A me viene subito in mente la montagna di libri di mio padre. Sì, certo, non proprio una vera biblioteca… ma quasi 🙂

Ricordo che fin da ragazzina mi piaceva andare a leggere i titoli, soprattutto dei manualoni di medicina più in alto, a guardare i colori delle copertine, contarli. Spesso prendevo la sedia per raggiungere qualche romanzo, anche solo per averlo in mano, guardarlo da vicino e poi riporlo. La loro presenza nell’adolescenza mi mise molta sicurezza, sia per lo studio – c’era sempre qualche testo dove ritrovare le poesie che stavo studiando e chissà perché leggerle in un altro libro che non fosse quello di scuola dava un sapore più avvincente e personale alla lettura – sia per i momenti di noia, solitudine, tristezza. Passeggiando in salotto ritrovavo un mondo, anzi, mille mondi, e mi fermavo a cercare, spostare, sfogliare, volevo un appiglio, qualcosa che mi spingesse a cominciare l’avventura di un libro e a trascorrere così tutto il pomeriggio immersa nelle parole. Accadeva spesso. E così scoprivo Neruda, D’Annunzio, Saffo… non capivo sempre tutto ma il gusto non era nella comprensione ma nello sbalordimento.

Così è cominciato il mio amore per la lettura e la scrittura.

Adesso smetto di chiacchierare e faccio parlare i cinque libri che abbiamo scelto per voi questa settimana. Con la speranza che parlino davvero al vostro cuore!

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni