Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconApprofondimenti
line break icon

L’unica cosa che può evitare le molestie sessuali

WEINSTEIN

Denis Makarenko - Shutterstock

Elizabeth Scalia - Aleteia inglese - pubblicato il 09/11/17

Iniziate perseguendo una virtù impopolare e poco considerata... e non è quella a cui state pensando

Nel corso dell’ultimo mese abbiamo letto una serie apparentemente interminabile di storie su Hollywood e l’industria televisiva relative agli atti di molestie sessuali terribili e talvolta disgustosi perpetrati contro le donne, e a volte contro gli uomini, in alcuni casi giovanissimi di entrambi i sessi, da uomini estremamente potenti.

Con quasi ogni rivelazione, le tendenze abusatrici di tutti loro – da Harvey Weinstein a Brett Ratner e a Kevin Spacey; da Roger Ailes e Bill O’Reilly di FOX News a Mark Halperin di MSNBC e Michael Oreskes di NPR – sono seguite da due parole: “Segreto aperto”.


HARVEY WEINSTEIN,MIRAMAX

Leggi anche:
Perché rimanere scioccati davanti agli scandali sessuali di Hollywood?

“Tutti sapevano”

In altre parole, come ha twittato Rosie O’Donnell, “tutti sapevano”. Chiunque a Hollywood conosceva quello che era chiamato il “divano da provino” (anche se, come ha indicato Maureen O’Hara, si andava ben oltre) e chi lo usava. Chiunque a Hollywood sapeva, e ancora sa, delle persone con molto potere che sfruttano di routine quelle che ne hanno di meno e sognano di diventare un giorno anche loro potenti.

E sappiamo che è vero. Sappiamo che “tutti sapevano” perché anche molti di noi che si interessano un po’ al gossip “lo sapevano”, quantomeno a grandi linee.

Poco tempo dopo le rivelazioni su Weinstein, la designer Donna Karan ha condiviso (per poi fare rapidamente marcia indietro) l’opinione per cui le donne abusate a Hollywood “lo chiedevano”. L’attrice Mayim Bialik, apparentemente con buone intenzioni, ha osservato che le donne dovrebbero fare più attenzione al modo in cui si vestono, se in modo modesto o “immodesto”.

Nessuno lo chiede

Chiariamo una cosa: le donne non “lo chiedono” mai. Nessuno chiede mai di essere usato e abusato, reso un oggetto, disumanizzato. Ma c’è una parte di verità nel fatto che il modo in cui ci presentiamo al mondo e socializziamo è importante.

  • 1
  • 2
Tags:
abuso sessuale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni