Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

12 curiosità su Marie Curie che forse non conoscete

Tekniska museet
Condividi

Una donna singolare che ricevette due premi Nobel per il suo contributo scientifico al servizio dell'umanità

1 Il suo vero nome era Maria Salomea Skłodowska. Nacque in Polonia e in seguito ricevette la nazionalità francese. Suo padre era docente di Fisica e Matematica, sua madre maestra, pianista e cantante.

2 Marie era agnostica, mentre il padre era ateo e la madre cattolica devota. Quando Marie aveva nove anni suo fratello maggiore morì di tifo. Due anni dopo perse la madre per tubercolosi. Questi fatti fecero sì che Marie rifiutasse il cattolicesimo.

3 Per potersi pagare gli studi di Fisica, Matematica e Chimica all’Università di Parigi, Marie dava lezioni di sera. Guadagnava molto poco e soffrì la fame. Per poter terminare i suoi studi nella capitale francese si nutriva a base di tè, pane e burro.

4 Marie conobbe Pierre Curie quando cercava un laboratorio in cui realizzare i suoi esperimenti. Uno dei suoi professori glielo presentò, e anche se Pierre non aveva un grande laboratorio le offrì uno spazio in cui poter avviare il suo lavoro. Il loro amore nacque condividendo l’interesse per la scienza e lo stesso campo di ricerca.

5 Nel luglio 1895 Marie e Pierre Curie si sposarono civilmente, e da allora Marie adottò il cognome del marito.

6 Scelse come abito da sposa un vestito blu scuro che in seguito le sarebbe servito come camice da laboratorio.

7 Per via delle sue ricerche, Marie Curie scoprì che tutti i composti dell’uranio presentavano radioattività, e che questa dipendeva dalla quantità di uranio presente nel campione. Verificò anche che le radiazioni provenivano dall’atomo anziché dall’interazione tra le molecole. Questa scoperta gettò le basi della teoria dell’indivisibilità dell’atomo e divenne la base della Fisica atomica.

8 Nel dicembre 1903, Marie Curie divenne la prima donna a ricevere il Premio Nobel, che le venne conferito insieme al marito e a Henri Becquerel per le loro ricerche congiunte sulle radiazioni. Inizialmente il comitato del Premio non voleva riconoscere il suo grande contributo alla fisica, ma quando lo seppe il marito volle che Marie venisse premiata insieme a lui e a Becquerel.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni