Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il Signor Distruggere ed il bisogno di detestare chi non è come noi

Condividi

Un fenomeno social dai numeri importanti: è lui, Vincenzo Maisto, che ha reso noto al grande pubblico il fitto sottobosco di Mamme pancine & Co

Il Signor Distruggere, è un giovane uomo, Vincenzo Maisto, che gestisce dal 2011 una pagina Facebook da quasi 600 mila mi piace. Per non parlare di Instagram e Twitter. Dice che ha cominciato distruggendo sé stesso.

 “Distruggere i sogni altrui esponendo la realtà oggettiva. Quindi iniziai distruggendo me stesso. Si passò presto ai casi umani, ai santoni ciarlatani, ai nazivegani, ai complottari, ai terrapiattisti, ai bigotti medioevali, agli schiavisti… fino ad arrivare, oggi, alle mammine pancine”.

Così ne parla, invece, Giada Sundas:

“pagina satirica che si ripromette di mettere in piazza quelle realtà “estreme” legate a maternitàal fanatismo religioso e alla povertà culturale che si celano nelle piaghe nascoste del web”

Ma piaghe è refuso o voluto? Giada è una scrittrice emergente che già avevamo segnalato in una delle nostre prime top5 dei libri scelti per le donne per il romanzo “Le mamme ribelli non hanno paura” (edito da Garzanti, 2017).

Perché descrive la maternità e il rapporto con la figlia in modo originale, ovvero molto attaccato all’esperienza primaria che ne sta facendo lei, umanamente autentica, e dalla quale sfronda lei stessa egoismi ricoperti di tulle e cuoricini. Ad esempio dice che sua figlia non è sua. Che il dono che lei è, è per il mondo. Che non le appartiene. Ecco, anche a me, anche a noi, posso dire, appartengono queste parole. Il figlio non è nostro. Lo è sì. Ma non mai come possesso. E qui, si aprirebbero non solo pagine ma anche ferite e verità annidate alle radici dei nervi più profondi, alla base dell’anima nostra. Di figlie, mica di madri. Chi di noi non ha pensato, nella sua prima lucidissima infanzia, di essere voluto e di esistere per mezzo dei suoi ma ben oltre, ben prima, ben più che grazie ai suoi? Sono convinta che queste cose siano stoccate in ogni memoria implicita, di ogni creatura umana.

Ma il tema qui è un altro.

Perché il Signor Distruggere dice di voler distruggere? E perché piace tanto e a tanti?

E se tutte le pancine, le mamme cuoricine, allattatrici estreme delende un giorno lo fossero davvero e definitivamente, distrutte?

Pagine: 1 2 3 4

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.