Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Febbraio |
Beata Giuseppina Bakhita
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Con chi si sposerà mio figlio?

web3-bride-groom-mother-father-happy-wedding-day-shutterstock_324422378-ivashstudio-ai

IVASHstudio / Shutterstock

Luz Ivonne Ream - pubblicato il 04/11/17

In genere i nostri figli scelgono come partner una persona simile a mamma o papà

Prego per quelle che saranno le mie nuore – perché ho solo maschi – da quando i miei figli erano ancora nella mia pancia.

Per molti anni è stata una mia grande preoccupazione, fino a quando anziché preoccuparmi di questo ho deciso di diventare un modello da seguire per i miei figli perché quando arriverà il momento scelgano come partner qualcuno molto simile a me.

Forte, vero? Ma è così. I nostri figli in genere scelgono come partner qualcuno che assomiglia a mamma o papà.

E allora ho cambiato il mio approccio: vorrei davvero che i miei figli sposassero una donna come me? Per molti aspetti sì, anche se preferirei che si sposassero con qualcuno molto migliore di me.

Ovviamente l’ideale è assumere questo approccio da quando sono piccoli, ma non è mai troppo tardi per iniziare a compiere cambiamenti in senso positivo.

Se siete uomini fatevi la stessa domanda: vorrei che le mie figlie scegliessero un marito come me? Se la vostra risposta è “Sì”, allora complimenti. Andate avanti e non cambiate!

Penso però che tutti abbiamo campi in cui possiamo crescere, cose in cui possiamo essere migliori. Ciascuno deve scoprirli in modo responsabile e sincero e mettere in atto i cambiamenti e gli aggiustamenti necessari per essere davvero genitori esemplari e far sì che i figli scelgano il partner in modo giusto, non cercando o pretendendo qualcuno che riempia i loro vuoti o dia loro quello che non hanno.

web3-meet-parents-coffee-store-boyfriend-girlfriend-shutterstock_257235370-syda-productions-ai
Syda productions / Shutterstock

Quando i nostri figli arrivano all’età giusta per sposarsi, noi genitori abbondiamo in consigli, ma non è il momento di chiacchierare, quanto di invitarli a osservare e ad essere riflessivi.

Questo tipo di esercizio di riflessione aiuta tutti noi, genitori e figli, perché ci fa capire in cosa dobbiamo ancora migliorare.

Noi genitori dobbiamo essere pronti e disposti ad ascoltare quando i nostri figli ci consigliano di migliorare in qualcosa.

Per fortuna e a volte purtroppo, per quanto possiamo riempirli di raccomandazioni sono già educati con uno standard di condotta, abitudini apprese, inclinazioni e tendenze. Hanno imparato cosa sono l’amore, la vita di coppia e il matrimonio per com’è stato modellato a casa da noi genitori.

E per quell’età i nostri figli, com’è accaduto a noi, si porteranno dietro una serie di ferite emotive delle quali non sono neanche consapevoli, e in genere sceglieranno un partner in base a questo. Mi spiego. In modo involontario e tra le altre cose, cercheranno di unirsi a qualcuno che emendi alle loro carenze affettive, ovvero sceglieranno un partner o cercheranno l’amore in base a tutto quello che hanno ricevuto e che è mancato loro nell’infanzia.

Ad esempio, se una persona ha ricevuto molto amore e protezione ma non ha ricevuto cure e motivazione, nei suoi rapporti dirà in modo inconsapevole: “Ti do amore e protezione e in cambio mi devi curare e motivare”.

Ciò vuol dire che la persona cerca al di fuori ciò che le manca, quello di cui è carente, e per riceverlo offre in cambio quello che ha ricevuto nell’infanzia.

Per lo stesso motivo, genitori, non è mai tardi per migliorare.

Se siete una mamma o una moglie che rimprovera continuamente il marito, se controllate, siete possessive o gelose, vi piacerebbe che un domani la moglie trattasse allo stesso modo vostro figlio?

Se siete un papà e un marito maschilista e manipolatore, insensibile o violento, fatevi la stessa domanda. Vi piacerebbe che vostra figlia sposasse un uomo come voi, che manca continuamente di rispetto alla moglie con il suo atteggiamento superbo e punitivo?

E non parlo di karma o altre cose di questo tipo, in cui non credo, ma di buonsenso. Nella stragrande maggioranza dei casi preferiamo ciò che conosciamo, anche se spesso fa male.

Per questa ragione, non dobbiamo preoccuparci tanto di chi sposeranno, ma impegnarci a formare esseri umani integri e creare famiglie unite, in cui abbondino amore, rispetto e affetto.

Lavoriamo per condurre una vita virtuosa, piena di valori e di tutto ciò che porta davvero una persona alla pienezza. Formiamo esseri umani integri ed emotivamente sani. In questo modo sarà meno probabile che sbaglino partner.

E ovviamente non smettiamo di pregare per loro e per coloro che diverranno i loro coniugi.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
figlimatrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.