Aleteia

Su Medjugorje il Vaticano si dice pronto a “regolare il fenomeno”

Shutterstock
Condividi
Commenta

Il segretario di Stato Pietro Parolin: fondamentale la cura pastorale dei fedeli. Ma sul web spopola l'ennesimo (presunto) miracolo della Madonna

Mentre il 2 novembre la presunta veggente Mirijana sostiene di aver ricevuto l’ennesimo messaggio della Madonna in una Medjugorje affollata di fedeli (Il Sussidiario, 2 novembre), il segretario di Stato vaticano Pietro Parolin, ha chiarito nuovamente la linea del Vaticano sul fenomeno delle apparizioni.

«E’ volontà della Santa Sede – spiega Parolin – aiutare a regolare il fenomeno in modo che i fedeli che vengono qui possano ascoltare la Parola di Dio, celebrare i sacramenti e vivere un’autentica esperienza di fede».

SOVRANNATURALE E CURA PASTORALE

Non c’è solo la dimensione «sovrannaturale degli eventi» da analizzare, ha inoltre evidenziato il porporato – di ritorno dalla visita in Croazia – è altrettanto importante la questione della «cura pastorale» dei pellegrini.

Motivo per cui il Papa ha nominato lo scorso 11 febbraio l’arcivescovo polacco Henryk Hoser come suo «inviato speciale» , non per fare un supplemento d’indagine, bensì – come si leggeva in un comunicato vaticano – per «acquisire più approfondite conoscenze della situazione pastorale di quella realtà e, soprattutto, delle esigenze dei fedeli che vi giungono in pellegrinaggio» (La Stampa, 31 ottobre).

L’ULTIMO PRESUNTO MIRACOLO

Intanto, come si legge su La Luce di Maria (18 ottobre) sul web fa ancora rumore l’ultimo presunto miracolo concesso dalla Madonna a Medjugorje: era il 2 ottobre, i fedeli erano stretti intorno alla statua della Regina della Pace quando, ad un tratto, la veggente cade in adorazione. Mentre fino ad un secondo prima si udivano canti di preghiera, in un istante tutti intorno cadono in religioso silenzio e si stringono attorno alla veggente per accogliere il messaggio.

UNA PARALITICA CHE BALLA

Prima che il messaggio venga condiviso, però, un evento rompe il silenzio: una ragazza coreana affetta da diversi anni da una paralisi alle gambe, si alza dalla sedia a rotelle con le sue sole forze e davanti agli sguardi attoniti dei presenti comincia a ballare e saltare lodando nel contempo il Signore per la grazia ricevuta. Ecco che la folla di presenti cade in ginocchio e ringrazia con gli occhi colmi di lacrime la Madonna per quello che secondo loro è a tutti gli effetti un miracolo.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni