Aleteia
martedì 20 Ottobre |
San Paolo della Croce
Spiritualità

Perché il diavolo perseguita con tanto accanimento la Chiesa?

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 03/11/17

Secondo Papa Francesco Satana impazzisce di fronte alle follie del Vangelo. Mentre trova terreno fertile nella Chiesa "tiepida"

L’esistenza del demonio appartiene al patrimonio della dottrina della Chiesa Cattolica e si fonda sull’insegnamento della Sacra Scrittura, della Tradizione e del Magistero Ecclesiale.

Come spiega Papa Francesco in “Il diavolo c’è” – una raccolta dei suoi interventi a cura di Diego Manetti (edizioni San Paolo) – il Catechismo della Chiesa Cattolica (CCC) afferma chiaramente l’esistenza del diavolo (diàbolos, colui che divide; oppure satàn, “satana”, colui che accusa) quale angelo decaduto:

Dietro la scelta disobbediente dei nostri progenitori c’è una voce seduttrice, che si oppone a Dio, la quale, per invidia, li fa cadere nella morte. La Scrittura e la Tradizione della Chiesa vedono in questo essere un angelo caduto, chiamato satana o diavolo. La Chiesa insegna che all’inizio era un angelo buono, creato da Dio. “Diabolus enim et alii dæmones a Deo quidem natura creati sunt boni, sed ipsi per se facti sunt mali – Il diavolo infatti e gli altri demoni sono stati creati da Dio naturalmente buoni, ma da se stessi si sono trasformati in malvagi” (CCC 391).

SCELTA IRREVOCABILE

Questo angelo è decaduto, insieme agli altri spiriti creati che ne hanno seguito le orme nefaste, in virtù di una libera scelta con la quale ha “radicalmente ed irrevocabilmente rifiutato Dio e il suo Regno” (CCC 392), commettendo un peccato imperdonabile a causa del “carattere irrevocabile della loro scelta” e non per “un difetto dell’infinita misericordia divina” (CCC 393).




Leggi anche:
Cosa pensa Papa Francesco del diavolo?

I FIGLI RINNEGATI

Papa Francesco spiega, poi, che l’angelo decaduto, divenuto diavolo, ha reagito contro la Chiesa avviando una dura persecuzione contro di essa.

Il Signore ci ha già avvertiti (cfr. Mt 24,4-14; Mc 13,9-13; Lc 21,12-19), affinché fossimo preparati. Sarà perseguitata non certo nei suoi figli mediocri che scendono a patti con il mondo, come fecero quei rinnegati dei quali ci parla il libro dei Maccabei (cfr. 1Mac 1,11-15): quelli non sono mai perseguitati.

I TESTIMONI DEL VANGELO

Lo sarà, invece, negli altri figli, che, in mezzo alla “moltitudine di testimoni”, scelgono di “tenere gli occhi su Gesù” (cfr. Eb 12,1-2) e di seguire le sue orme a qualunque costo. La chiesa sarà perseguitata nella misura in cui si mantiene fedele al Vangelo. La testimonianza di questa fedeltà infastidisce il mondo, lo fa infuriare, gli fa digrignare i denti(cfr. At 7,54).




Leggi anche:
Papa Francesco: Il diavolo vuole dividere la Chiesa alla radice dell’unità, la Messa

La persecuzione è un evento ecclesiale di fedeltà; a volte è frontale e diretta, mentre in altri casi bisogna saperla riconoscere in mezzo alle tante bardature “acculturate” con cui si presenta in ogni epoca, nascosta nella mondana “razionalità” di un certo sedicente “senso comune” di normalità e civiltà.

LO SCANDALO DELLA CROCE

Le forme sono tante e varie, ricorda Bergoglio, ma a provocare la persecuzione è sempre la follia del Vangelo, lo scandalo della croce di Cristo, il lievito delle beatitudini. Poi, come nel caso di Gesù, e di quella immensa “moltitudine di testimoni”, i metodi sono stati e restano gli stessi: la disinformazione, la diffamazione, la calunnia, per convincere, per smuovere e, come ogni opera del demonio, per far sì che la persecuzione cresca, si contagi e trovi giustificazione (ovvero appaia ragionevole, e non appunto una persecuzione).




Leggi anche:
Papa Francesco: “Il diavolo non è un mito, va combattuto con l’arma della verità”

LA TENTAZIONE DELLA CHIESA

Invece, sottolinea il papa, la tentazione per la Chiesa è stata e sarà sempre la stessa: eludere la croce (cfr. Mt 16,22), patteggiare la verità, attenuare la forza redentrice della croce di Cristo per evitare la persecuzione.

Povera la Chiesa tiepida che rifugge ed evita la croce! Non sarà feconda, si “socializzerà educatamente” nella sua sterilità con fronzoli di cultura accettabile. È questo, in definitiva, il prezzo che si paga – e a pagarlo è il popolo di Dio – per essersi vergognato del Vangelo, per aver avuto paura di rendere testimonianza.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
chiesadiavolopapa francesco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni