Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché gli ortodossi si fanno il segno della croce “al contrario”?

Russian Orthodox Christians
FABIO BUCCIARELLI / AFP
Condividi

Il segno della croce è il simbolo cristiano per eccellenza. Tracciato con la mano destra sul corpo, questo sacramentale è praticato in diversi modi a seconda delle tradizioni. Il senso in cui esso viene effettuato distingue poi i cattolici dagli ortodossi. Ma qual è il significato di tali sottigliezze?

Il segno della croce è il gesto col quale i cristiani significano la benedizione della propria persona nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Pratiche analoghe sono note in altre religioni, e del resto è difficile non vedere in alcune tradizioni giudaiche la prefigurazione di questo tanto particolare simbolo cristiano, manifestazione fisica e visibile di un cammino spirituale e personale. Tale pratica apparve verosimilmente molto presto nella storia del cristianesimo, e colpisce constatare come la sua evoluzione abbia seguito quella della Chiesa, in particolare lo scisma tra Oriente e Occidente, poiché due maniere di segnarsi distinguono ormai i cristiani cattolici e quelli ortodossi.

La tradizione che si è imposta in Occidente, predominante tra i cattolici latini, è di segnarsi dall’alto in basso, poi da sinistra a destra. Spesso viene tracciato con la mano destra aperta, le cinque dita giunte a evocare le cinque piaghe di Cristo. Quest’uso, però, è relativamente recente e si differenzia dalla pratica primitiva, che ha ancora corso nel mondo cristiano orientale. In effetti, in origine i cristiani si segnavano dall’alto in basso e poi da destra a sinistra. Il pollice, l’indice e il medio sono uniti, a evocare la Trinità consustanziale e indivisibile, mentre l’anulare e il mignolo, raccolti nel palmo della mano, evocano le due nature di Cristo – quella umana e quella divina.

Come una benedizione

La tradizione orientale e primitiva riproduce quindi il gesto della benedizione data dal clero come in uno specchio: la benedizione data dal prete o dal vescovo riproduce il gesto di Gesù raffigurato nelle icone bizantine, ove il pollice della mano benedicente tocca o sfiora l’anulare, l’indice è alzato verso l’alto, il medio e il mignolo sono lievemente piegati. Così la mano del prete forma le lettere iniziali e finali delle parole “Gesù Cristo” in greco – “IC” e “XC” – sempre ricordando l’associazione delle tre Persone della Trinità e le due nature di Cristo. La mano che benedice traccia così il segno della croce verso il fedele dall’alto in basso, poi da sinistra a destra. Questo senso, che è sempre quello delle benedizioni impartite dal clero, in Oriente come in Occidente, è verosimilmente quello in uso fin dai primi tempi dell’era cristiana. Ed è quanto giustifica la pratica orientale del segno della croce: riproducendo come in uno specchio il gesto della benedizione impartita da un’autorità, si riconosce implicitamente che nessuno potrebbe veramente benedire sé stesso e che, anche in assenza di un membro del clero, ogni benedizione viene ricevuta da una potenza superiore, in ultima analisi quella di Dio.

La storia del segno della croce è quindi legata a quella della benedizione. La pratica occidentale, del resto, è ormai quella di benedire con la mano aperta, e così i fedeli si segnano con la mano aperta. Divenuto un segno distintivo delle specificità di ogni tradizione, la preferenza di un senso o dell’altro trova più di una spiegazione simbolica (più o meno convincenti): tracciando su di sé la croce da sinistra a destra, si significherebbe il passaggio dalle tenebre alla luce, dalla miseria alla gloria – così speculava a suo tempo, il XIII secolo, Innocenzo III, quando tale pratica cominciava a prendere piede in Occidente.

Ma perché la benedizione, da parte sua, è stata fin dal principio e data dall’alto in basso e da sinistra a destra, dettando il senso originale del segno della croce compiuto dai fedeli? Forse semplicemente perché questo è il senso naturale della lettura e della scrittura nelle lingue latina e greca. Benedicendo, il clero “scrive” la croce su quelli che benedice. Una cosa è sicura: il segno della croce, quale che sia il senso in cui è tracciato, è un gesto orante e un’invocazione della Santa Trinità.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.