Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 21 Aprile |
Sant'Aniceto
home iconStile di vita
line break icon

L’invasione della moda del “senza”

Shutterstock

Emanuele Fant - Credere - pubblicato il 03/11/17

I cibi per intolleranti vengono consumati anche da chi potrebbe farne a meno: siamo alla ricerca di una vita priva di contrasti. Ma forse anche di sapore

Al supermercato fisso gli scaffali. Pasta senza glutine. Caramelle senza zucchero. Hamburger senza carne. Il mercato del «senza» sta crescendo negli ultimi anni con un ritmo che nessuno si aspettava. Gli esperti di marketing sono stupiti dai repentini successi di prodotti che sulle confezioni esibiscono l’attraente parolina: senza polifosfati, senza grassi idrogenati, senza coloranti artificiali.

Privare un cibo di un ingrediente essenziale nasce come operazione inclusiva: alcune categorie di intolleranti alimentari hanno oggi vita più facile. Ma l’espansione di questa fetta di mercato non è proporzionata alla quantità di persone che davvero hanno bisogno di prodotti speciali. Quindi molti compratori riempiono il carrello di formaggi senza latticini e minestroni privi di fagioli senza una vera motivazione, se non l’attrazione per la preposizione privativa.




Leggi anche:
Perché scegliere è diventato quasi impossibile?

Perché l’indicazione «senza» ci rassicura? Ripenso a quando, da bambino, ci immaginavamo la casa del futuro: era senza spigoli (pareti tondeggianti), senza colori (arredi rigorosamente bianchi), aveva una macchina senza bisogno di un pilota parcheggiata in giardino. Nei nostri sogni l’evoluzione faceva misteriosamente rima con privazione (di contrasti? di fatiche? di emozioni?). Il presente ha confermato la nostra intuizione: il design, la moda, l’architettura hanno generato palazzoni con il vetro trasparente al posto dei muri, uffici minimali, arredamenti integralmente privi di colori.

Il successo del «senza» ha poi varcato i suoi confini: sperimentiamo già decessi indolori, concepimenti senza rapporti sessuali, un’educazione amicale che non prevede nessun «no». Ma siamo sicuri che un mondo privo di contrasti sarà davvero più umano?




Leggi anche:
I difficili no di un parroco

Mi urtano e mi cade il pesto senza aglio che tengo in mano. Penso che forse ho spinto troppo in là la riflessione. Lo raccolgo e lo rimetto sullo scaffale. Prendo quello normale e vado in cassa. Credo che oggi sfiderò la mia cattiva digestione, per il piacere fuorimoda di un sapore.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
alimentazionecibovita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
4
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni