Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconStorie
line break icon

Piangere per un aborto. La toccante storia di una madre

Shutterstock

Cerith Gardiner - pubblicato il 02/11/17

Siamo andati a prendere i nostri altri due bambini e siamo tornati a casa col cuore spezzato. François era ancora nel mio utero, ma allo stesso tempo, per un motivo che sfuggiva a tutti, non c’era.

Il giorno dopo siamo tornati in ospedale per il parto, con gli occhi rossi e gonfi. Se mi avessero portato alla sedia elettrica non avrei potuto sentirmi peggio. Ci stavano aspettando.

La nostra ostetrica è arrivata poco dopo per stare con noi, e le ore – tante – successive sono state di un’intensità inimmaginabile. Abbiamo pianto, ovviamente, ma abbiamo anche riso molto. Abbiamo parlato. Abbiamo pregato e pianto di nuovo.

Ho pensato alla Vergine Maria ai piedi della croce. Ho pensato a tutto ciò che aveva passato lei. Mi sono detta che lei aveva avuto e amato quel figlio che era stato sacrificato proprio davanti ai suoi occhi. Che aveva detto “Sì” 33 anni prima senza sapere ciò che la aspettava e che non aveva praticamente voce in capitolo su ciò che sarebbe successo.

Il parto del mio bambino

Il parto è stato lungo, ma è stato un bene. Ne avevo bisogno. Ha permesso al mio corpo di accompagnare il mio cuore nella sua sofferenza e nel suo dolore, e mi ha lasciato anche più tempo per stare con il mio bambino. I nostri minuti insieme erano contati.

E poi è nato. Beh, è uscito.

È stato un momento magnifico, come lo era stato con i fratelli che lo avevano preceduto. Abbiamo pianto di gioia, era bellissimo. I piedini, le manine, la boccuccia perfetta… Era tutto al suo posto. Ci hanno permesso di tenerlo in braccio. Non riuscivo a staccare gli occhi da lui. Volevo registrare i suoi tratti nel cervello, negli occhi, per sempre.

In quel momento abbiamo capito tutto, almeno a livello tecnico. Era stato un incidente stupido, il tipo di incidente da cui al giorno d’oggi ci sentiamo protetti: la colpa era stata di un nodo un po’ più stretto al cordone ombelicale. Abbiamo sospirato, pieni di un sollievo dolceamaro.

Abbiamo potuto tenerlo con noi per un po’, quanto bastava perché conoscesse le nostre famiglie, perché loro lo vedessero, perché quel bambino fosse reale anche per loro. E poi ce ne siamo andati. Siamo usciti dall’ospedale senza pancia e senza bambino. Con le braccia vuote. Con un buco nel cuore e un’anima invecchiata di mille anni. Ma ancora pieni di speranza.

Riusciamo già a vedere i frutti reali del breve tempo che François ha trascorso con noi e della sua morte prematura. È un altro mistero: la missione che aveva ricevuto sulla Terra pur non avendo mai avuto l’opportunità di aprire gli occhi.

Spesso cado ancora in preda alla tristezza e alla rabbia. A volte mi sembra ingiusto che abbiamo dovuto perdere il nostro bambino perché altri potessero trovare la fede – sì, è successo! – o vedere Dio nella sua morte.

E poi penso un’altra volta a Maria. Il suo “Sì” fin dal principio, dal concepimento di suo Figlio, è stato un “Sì” al fatto che il bambino non le apparteneva. Se avessero chiesto alla Santa Madre la sua opinione prima di inchiodare Gesù sulla croce, immagino che si sarebbe offerta di andarci al suo posto. E non sarebbe stato lo stesso per l’umanità…

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
Tags:
abortomadritestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni