Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 15 Gennaio |
San Cleopa
home iconNews
line break icon

Attacco terroristico a New York. 8 morti e 15 feriti.

NEW YORK,TERRORIST

Don Emmert | AFP

Agi - pubblicato il 01/11/17

Alle 15.05 un 29enne uzbeko si scaglia su una pista ciclabile a Manhattan e uccide 8 persone. 15 feriti, tra cui due bambine. L'Isis non ha ancora rivendicato.

Alle 15,05 (le 21,05 in italia) New York e gli Stati Uniti sono risprofondati nella paura per un nuovo attentato terroristico. Un uomo, un 29enne uzbeko, negli Usa dal 2010, residente a Tampa in Florida, Sayfullo Habibullaevic Saipov, alla guida di un furgone noleggiato da Home Depot in New Jersey, si scaglia su una pista ciclabile vicino al World Trade Center, abbattendo come birilli (come già visto a Nizza nel 2016 e a Londra quest’anno) i ciclisti ed i passanti. A terra restano 8 persone e i feriti sono 15, tra cui due bambine (La Repubblica). Tra le vittime, ci sono cinque amici argentini, a New York per festeggiare  l’anniversario del diploma, e una cittadina belga. L’attentatore, negli Usa dal 2010 e titolare di una ‘green card’, era un autista di Huber: è stato operato nella notte per il colpo all’addome sparatogli dai poliziotti che lo hanno fermato.

La dinamica dell’attentato

L’uomo scende dall’auto brandendo due finte pistole (una sparachiodi e una ‘pistola’ che spara palline di inchiostro), e viene neutralizzato da alcuni agenti accorsi che gli sparano, ferendolo gravemente all’addome, per poi arrestarlo. L’uomo secondo testimoni ha gridato “Allahu Akbar” (Dio è il più grande), l’inno di battaglia dei jihadisti di Isis e dei terroristi islamisti. Isis non ha ancora rivendicato l’azione – l’uomo è infatti ancora in vita e ricoverato in un ospedale tenuto segreto dalla polizia – ma come si è visto altre volte i sostenitori del gruppo terrorista hanno immediatamente inneggiato al killer ed una rivendicazione potrebbe seguire.

Rita Katz, direttrice dell’organizzazione Site, specializzata nel monitoraggio dell’attività jihadista del web, ricorda che il modus operandi è quello suggerito da Isis ai cosiddetti “lupi solitari” e anche come sul web venne pubblicata, solo ad agosto, una foto dei sostenitori di Isis a meno di 2 km dal punto dove si è verificato l’attacco di oggi (Corriere della Sera).

https://twitter.com/realDonaldTrump/status/925474979914887168

“Un codardo atto terroristico”

Questa la ricostruzione fatta dal sindaco di New York Bill De Blasio che parla di “codardo attacco terroristico” ed ha esortato i concittadini alla prudenza ricordando che stasera è la notte di Halloween. Inizialmente la polizia non si è sbilanciata ma dopo le indiscrezioni dei media l’Fbi ha confermato che segue il caso come un atto di terrorismo. Il governatore dello Stato di New York Andrew Cuomo ha definito l’attentato l’azione di “un lupo solitario” ma “non abbiamo indizi che si tratti di un piano più vasto” per colpire altrove.

Dalla Casa Bianca il presidente Donald Trump commenta a distanza di un’ora l’uno dall’altro con due tweet: “Quello di New York City sembra un altro attacco opera di una persona molto malata e folle. Le forze dell’ordine stanno seguendo il caso da vicino. NON NEGLI USA!” prima e poi “Non dobbiamo consentire ad Isis di tornare o entrare nel nostro Paese dopo averli sconfitti in Medio Oriente e ovunque. Ora Basta!” Quest’ultimo strumentale al suo piano di bloccare gli ingressi negli Usa di profughi o di cittadini che provengono da Paesi musulmani (Il Messaggero).

Un altro attentato a New York, dopo 7 anni

Era dal 1 maggio 2010, che New York non era più stata oggetto di attentati terroristici. Anche quello di quel giorno a Times Square venne sventato quando due venditori segnalarono alla polizia che usciva del fumo da un veicolo – un’autobomba in realtà – che per un difetto di fabbricazione dell’ordigno non riuscì ad esplodere e a causare una strage. Due giorni dopo l’Fbi arrestò il 30enne pakistano Faisal Shahzad, diventato cittadino americano l’anno prima (Il Sole 24 Ore).

Le autorità hanno confermato la maratona di New York in programma per domenica.

QUI L’ORIGINALE

Tags:
new yorkterrorismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni