Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Rifugiati e migranti, responsabilità delle università cattoliche

Andrea Bonetti / PRIME MINISTER'S OFFICE / AFP
Papa Francesco saluta un bambino durante la sua visita al centro di detenzione per migranti e rifugiati di Moria, vicino Mitilene, sull'isola greca di Lesbo, il 16 aprile 2016. Dichiarando “Siamo tutti migranti”, il Pontefice ha portato un messaggio di speranza a migliaia di persone che affrontano l'espulsione dalla Grecia e ha rimproverato la comunità internazionale per il fatto di non riuscire a porre fine alle guerre che alimentano la crisi. In una visita toccante che ha visto la gente inginocchiarsi in lacrime ai piedi del Papa, questi ha detto agli esiliati che non sono soli e ha chiesto che il mondo mostri la “comune umanità” dopo l'inasprimento della posizione dell'UE sui migranti.
AFP PHOTO / PRIME MINISTER'S OFFICE / andrea bonetti / RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY CREDIT "AFP PHOTO / SOURCE / PRIME MINISTERS OFFICE/ ANDREA BONETTI" - NO MARKETING NO ADVERTISING CAMPAIGNS - DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS
Condividi

Intervista a padre Michael Czerny S.I., sottosegretario della Sezione Migranti e Rifugiati del dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale della Santa Sede

Rifugiati e Migranti in un Mondo Globalizzato. Responsabilità e Risposte delle Università” è il tema della Conferenza Internazionale che si svolgerà dal 1° al 4 novembre 2017 nella sede della Pontificia Università Gregoriana (PUG) di Roma. Papa Francesco incontrerà i partecipanti all’evento per condividere le proprie riflessioni sull’argomento.

L’organizzatore principale della Conferenza è la Federazione Internazionale delle Università Cattoliche (FIUC). Saranno presenti anche rappresentati di istituzioni come l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e il Jesuit Refugee Service (JRS), impegnati nell’azione a favore dei rifugiati.

Per comprendere meglio le riflessioni di Papa Francesco e le sfide delle università in materia abbiamo parlato con Michael Czerny S.I., sottosegretario della Sezione Migranti e Rifugiati (M e R) del dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale della Santa Sede. Al momento il Papa sta guidando personalmente la Sezione.

“Fin dall’inizio del suo pontificato, utilizzando sia parole che azioni persuasive, Papa Francesco ha esortato la Chiesa ad accompagnare tutte le categorie di persone che si vedono costrette a fuggire. Nel 2017 ha istituito la Sezione M e R per aiutarlo a implementare questo grande obiettivo pastorale”, ha detto ad Aleteia padre Czerny S.I., 71 anni, di origine cecoslovacca e trasferitosi con la famiglia in Canada quando aveva nove anni e mezzo. “Bisogna mettersi nei panni dei migranti e dei rifugiati, ascoltare la loro storia”, ha aggiunto.

Crede che la globalizzazione dell’indifferenza mostri il suo volto peggiore nel caso dei rifugiati e dei migranti, soprattutto nella mancanza di opportunità educative?

No! L’indifferenza ha molte variabili, molti volti, ma è certo che la problematica degli spostamenti forzati di persone ci dà una dimostrazione importante, perfino crudele, di questa indifferenza. Il problema è che le nostre società sono organizzate in modo tale da mantenere vari aspetti dell’indifferenza. Per fare un esempio, molte persone senzatetto sono affette da malattie mentali e non sappiamo come aiutarle, non sappiamo dare una risposta istituzionale e nemmeno personale. E allora non si può dire che la situazione di un senzatetto sia meno grave di quella di un migrante forzato o di un richiedente asilo. L’indifferenza è globalizzata e generalizzata, e quindi anche chi è appena arrivato in un Paese subisce l’indifferenza.

Pagine: 1 2 3 4

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.