Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconChiesa
line break icon

Rifugiati e migranti, responsabilità delle università cattoliche

Andrea Bonetti / PRIME MINISTER'S OFFICE / AFP

Papa Francesco saluta un bambino durante la sua visita al centro di detenzione per migranti e rifugiati di Moria, vicino Mitilene, sull'isola greca di Lesbo, il 16 aprile 2016. Dichiarando “Siamo tutti migranti”, il Pontefice ha portato un messaggio di speranza a migliaia di persone che affrontano l'espulsione dalla Grecia e ha rimproverato la comunità internazionale per il fatto di non riuscire a porre fine alle guerre che alimentano la crisi. In una visita toccante che ha visto la gente inginocchiarsi in lacrime ai piedi del Papa, questi ha detto agli esiliati che non sono soli e ha chiesto che il mondo mostri la “comune umanità” dopo l'inasprimento della posizione dell'UE sui migranti. AFP PHOTO / PRIME MINISTER'S OFFICE / andrea bonetti / RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY CREDIT "AFP PHOTO / SOURCE / PRIME MINISTERS OFFICE/ ANDREA BONETTI" - NO MARKETING NO ADVERTISING CAMPAIGNS - DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS

Ary Waldir Ramos Díaz - pubblicato il 31/10/17

Intervista a padre Michael Czerny S.I., sottosegretario della Sezione Migranti e Rifugiati del dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale della Santa Sede

Rifugiati e Migranti in un Mondo Globalizzato. Responsabilità e Risposte delle Università” è il tema della Conferenza Internazionale che si svolgerà dal 1° al 4 novembre 2017 nella sede della Pontificia Università Gregoriana (PUG) di Roma. Papa Francesco incontrerà i partecipanti all’evento per condividere le proprie riflessioni sull’argomento.

L’organizzatore principale della Conferenza è la Federazione Internazionale delle Università Cattoliche (FIUC). Saranno presenti anche rappresentati di istituzioni come l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e il Jesuit Refugee Service (JRS), impegnati nell’azione a favore dei rifugiati.

Per comprendere meglio le riflessioni di Papa Francesco e le sfide delle università in materia abbiamo parlato con Michael Czerny S.I., sottosegretario della Sezione Migranti e Rifugiati (M e R) del dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale della Santa Sede. Al momento il Papa sta guidando personalmente la Sezione.

“Fin dall’inizio del suo pontificato, utilizzando sia parole che azioni persuasive, Papa Francesco ha esortato la Chiesa ad accompagnare tutte le categorie di persone che si vedono costrette a fuggire. Nel 2017 ha istituito la Sezione M e R per aiutarlo a implementare questo grande obiettivo pastorale”, ha detto ad Aleteia padre Czerny S.I., 71 anni, di origine cecoslovacca e trasferitosi con la famiglia in Canada quando aveva nove anni e mezzo. “Bisogna mettersi nei panni dei migranti e dei rifugiati, ascoltare la loro storia”, ha aggiunto.

Crede che la globalizzazione dell’indifferenza mostri il suo volto peggiore nel caso dei rifugiati e dei migranti, soprattutto nella mancanza di opportunità educative?

No! L’indifferenza ha molte variabili, molti volti, ma è certo che la problematica degli spostamenti forzati di persone ci dà una dimostrazione importante, perfino crudele, di questa indifferenza. Il problema è che le nostre società sono organizzate in modo tale da mantenere vari aspetti dell’indifferenza. Per fare un esempio, molte persone senzatetto sono affette da malattie mentali e non sappiamo come aiutarle, non sappiamo dare una risposta istituzionale e nemmeno personale. E allora non si può dire che la situazione di un senzatetto sia meno grave di quella di un migrante forzato o di un richiedente asilo. L’indifferenza è globalizzata e generalizzata, e quindi anche chi è appena arrivato in un Paese subisce l’indifferenza.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
accoglienzamigrantirifugiatiuniversita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni