Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 13 Giugno |
Sant'Antonio da Padova
home iconStorie
line break icon

Cos’è successo quando l’autore de L’Esorcista ha “giocato” con una tavola ouija

JT Blatty | Alamy Stock Photo

Zelda Caldwell - pubblicato il 31/10/17

Mentre lavorava al suo libro, l'autore William Peter Blatty si è convinto che la possessione demoniaca è davvero reale

Spesso definito “il film più spaventoso mai realizzato”, L’Esorcista, basato sul romanzo del 1973 di William Peter Blatty, ha portato sul grande schermo il rito cattolico dell’esorcismo con la sua storia indimenticabile di una bambina di 12 anni posseduta, della ricerca disperata di aiuto da parte della madre e dei sacerdoti che sono andati ad aiutarla.

Quello che alcuni possono non ricordare del film è il ruolo che gioca una tavola ouija nella possessione di Regan. All’inizio della pellicola, la madre di Regan, Chris, chiede alla figlia se sa come usare la tavola ouija di famiglia, e la ragazzina risponde che gioca con “il capitano Howdy”.

“Chi è il capitano Howdy?”, chiede Chris.

“Dai. Il capitano Howdy. Io faccio le domande e lui dà le risposte!”

La tavola ouija, lungi dall’essere un innocuo gioco di società, è allora il modo in cui il diavolo, sotto forma di “capitano Howdy”, ha avuto accesso all’anima di Regan.

Blatty, morto all’inizio di quest’anno, riconobbe in un’intervista del 1972 rilasciata al giornalista britannico Ray Connolly che mentre terminava di scrivere L’Esorcista aveva avuto un’esperienza personale con una tavola ouija, cosa che lo aveva convinto che stava comunicando con qualche tipo di spirito.

  • 1
  • 2
Tags:
diavoloesorcismofilmouija
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni