Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le apparizioni di Medjugorje: vere o false, ecco come capirci qualcosa

Condividi
La Chiesa discute di Medjugorje proprio perché ha dei criteri per dire come Maria agisce nella storia. Quindi ci sono delle perplessità su Medjugorje – questo è vero e non bisogna scandalizzarsene -, ma non sono delle perplessità sul fatto che la Madonna viene a visitare la terra e a visitare i suoi figli.

Leggi anche: I dubbi del Papa su Medjugorje: non credo alla “madonna a capo dell’ufficio telegrafico”

Papa Francesco, ad esempio, è certo delle apparizioni di Fatima. Papa Francesco ama la Virgen de Luján in Argentina e il suo recarsi in pellegrinaggio a quel santuario testimonia la sua fede che lì si sono compiuti dei miracoli: lì tutti gli argentini, compreso il cardinal Bergoglio quando era arcivescovo di Buenos Aires, si sono tante volte recati in processione. Allo stesso modo a Cuba papa Francesco è andato a venerare la Virgen de la Caridad del Cobre, tanto amata dal popolo cubano. Allo stesso modo papa Giovanni Paolo II era certo dell’intervento della Madonna, apparsa anche a Fatima, che lo protesse nel giorno dell’attentato e in tutta la sua vita. Così Paolo VI era certo delle apparizioni di Lourdes e così via.

La Madonna è apparsa, appare e apparirà. La Madonna ha protetto, protegge e proteggerà gli uomini. Questo è certo. Certamente Maria è Madre di Dio e in lei Dio si è fatto uomo, ed è lei che si è recata ad assistere la vecchia Elisabetta come gesto di carità. Certamente è dal suo grembo che è nato il Salvatore.

Leggi anche: Un membro della Commissione su Medjugorje: vi spiego i dubbi del Papa

Ma di Maria non sono certi solo gli episodi biblici, sono certi anche il suo amore per noi e la sua continua intercessione e protezione. Per questo i papi non hanno alcun problema a recarsi a Fatima o a Lourdes e nemmeno noi abbiamo alcun problema a farlo. Addirittura abbiamo la memoria liturgica di quelle apparizioni e la Chiesa ha canonizzato alcuni di quei veggenti. Perché è proprio la Madonna del Nuovo Testamento, è proprio Maria la Madre di Dio, è proprio la Madre di Gesù, che ha visitato, visita e continuerà a visitare la storia.

Diviene così subito “secondario” se a Medjugorje ci siano tutti i criteri per verificare l’affidabilità di tali apparizioni, così come di altre singola apparizioni, rivelazioni “private”, o locuzioni. È più importante affermare che la Chiesa crede che le apparizioni siano un “aiuto alla fede”, anche se non la fede stessa, che siano un “aiuto” vero, reale, amorevole, buono, un aiuto dal quale è sempre possibile essere confortati e che ancor più la Madonna stessa sia “aiuto” e protezione degli uomini, prima di discutere di Medjugorje.

2/ Le apparizioni ricordano che la fede cristiana non è “teistica”, cioè non professa un Dio impersonale

Ma perché è importante che la Chiesa creda che la Madonna ci ama e ci viene in aiuto? Perché è importante che la Chiesa creda che la Madonna è apparsa, appare e apparirà nella storia, dopo i giorni della sua vita terrena con Gesù? Cerchiamo di capirlo bene. Cosa vuol dire che la Vergine è veramente apparsa a Fatima? Cosa vuol dire che è veramente apparsa a Lourdes o in Messico? Cosa vuol dire più ancora che Maria è vicina alla vita di ogni uomo e di tutto il popolo di Dio? Partiamo sempre da quello che è certo, per capire quello che è incerto.

Vuol dire che Dio non va inteso in maniera teistica, alla maniera in cui lo intendevano i filosofi dell’illuminismo francese. Anche se non lo si dice mai, i filosofi dell’illuminismo francese erano quasi tutti credenti: Voltaire, ad esempio, credeva in Dio. Ma lo intendeva “teisticamente”: credeva cioè in un Dio che aveva creato il mondo, che aveva scritto nell’uomo la legge morale e che, però, si era poi come “disinteressato” del creato e dell’uomo. Per gli illuministi Dio era il creatore, ma un creatore non personale, non interessato a rivelarsi, ad essere amato dall’uomo. Per il “teismo” Dio non può nascere in mezzo agli uomini, anzi questa affermazione non ha addirittura senso alcuno. Dio c’è, ma non guida la storia: per i teisti questa, una volta che Dio le ha dato inizio con la creazione, è lasciata a se stessa.

La fede cristiana, invece, annuncia che Dio ha toccato la terra, che non solo è veramente venuto a visitare la terra, ma ha fatto ciò proprio perché è lui a guidare personalmente la storia. Veramente Dio si è fatto uomo, veramente Gesù ha fondato la Chiesa e scelto gli apostoli, veramente Maria è stata sua Madre, veramente Gesù ha donato il suo Spirito ai santi. Veramente Dio chiama i suoi figli tramite il Battesimo, veramente chiama ognuno alla sua vocazione ed ha un disegno di amore unico e irripetibile per ciascuno. Non è un Dio teisticamente inteso, bensì è il Dio che agisce e opera. E ha dato ai suoi santi la vita eterna ed essi dal cielo agiscono con lui. La sua vita risplende nell’amore dei suoi santi che sono vivissimi con lui.

Allora, veramente se noi diciamo l’Ave Maria, la Madonna ci ascolta. Lei accompagna Gesù che cambia la storia del mondo, chiamando ogni singolo uomo e donandogli una specifica vocazione: veramente la Madonna agisce con lui, veramente i santi sono vicini: veramente i Protomartiri romani pregano per noi, veramente santa Chiara e santa Melania pregano per noi, veramente sant’Antonio, san Francesco, sant’Ignazio di Loyola e tutti i santi ci sono vicini. Questa presenza viva dei santi riempie di calore la vita degli uomini: le apparizioni di Maria nella storia sono un vero “aiuto alla fede” perché ci attestano che la Madonna ci vuole veramente bene e che veramente viene vicino a noi, in nostro soccorso.

Questa cosa non è in dubbio, perché se questo fosse in dubbio sarebbe in dubbio la stessa fede, cioè la vicinanza di Dio e dei suoi santi alla Chiesa che ora vive in terra. La vicinanza di Maria alla Chiesa – e con essa le apparizioni della Madonna – sono una cosa sola con la fede stessa, anche se non siete tenuti a credere a ogni singola apparizione. Chi non crede ad una singola apparizione, non è un eretico; ma se qualcuno non crede che la Madonna ci aiuta e prega per noi, allora quella persona è eretica e sta indebolendo la fede cattolica. La fede cattolica crede che la Madonna è talmente vicina che può tranquillamente apparire per sostenere la fede dei cristiani.

Leggi anche: La Madonna che Papa Francesco va a pregare prima e dopo i suoi viaggi

Pensate ad un fatto concreto che ci attesta oggi la fede nell’opera di Maria: ogni volta che papa Francesco, torna da un viaggio, si reca a Santa Maria Maggiore a venerare l’icona della Madonna, perché vuole ringraziarla per averlo accompagnato anche in quel suo viaggio. Papa Francesco è testimone, con quel gesto, dell’operare concretissimo della Vergine.

3/ La Madonna chiama gli uomini alla preghiera, perché senza la preghiera non si può essere felici

Terzo punto fermo: è vero che la Madonna, ogni volta che è apparsa, ha dato agli uomini un messaggio sull’importanza della preghiera. E lo ha dato perché lei in terra ha pregato e perché in cielo intercede.

Se anche uno affermasse che i “veggenti” di Medjugorje riferissero parole non autentiche, resta nondimeno vero che sempre la Vergine ha detto: «Pregate». Perché? La Vergine vuole che noi preghiamo, Maria invita alla conversione. Ci vuol dire, sempre, ben al di là di Medjugorje, che non solo è una cosa buona che la gente preghi, ma che è una cosa necessaria. La preghiera non è un’opzione possibile fra le tante.

La preghiera cambia veramente la storia del mondo. Pensate a Teresa di Lisieux che pregò perché un condannato a morte si convertisse e ciò avvenne nell’ultimo istante della sua vita.

Pagine: 1 2 3 4 5

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni