Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Tristezza autunnale? Niente panico, vi diciamo noi cosa fare

Condividi

La rivista BenEssere, da oggi in edicola con il numero di novembre, dedica un articolo ai mutamenti d’umore che viviamo in autunno

Ottobre è uno dei mesi più critici per il benessere dei nostri capelli, ma l’arrivo dell’autunno, oltre alla chioma, spegne anche il nostro umore. Vero?

In autunno l’umore di 1 italiano su 4… perde colore

La rivista BenEssere la salute con l’anima (San Paolo editore) da oggi in edicola, dedica nel numero di novembre un articolo ai mutamenti d’umore che viviamo in autunno. L’autrice Paola Rinaldi in collaborazione con la dottoressa Cristina Colombo, primario del Centro disturbi dell’umore dell’Irccs Ospedale San Raffaele Turro di Milano, ci informa che “con l’arrivo dell’autunno, l’umore di un italiano su quattro si fa grigio come il tempo e, talvolta, si accompagna a manifestazioni fisiche come dolori, rigidità muscolare, cefalea, stipsi o disturbi gastrointestinali” (BenEssere, Novembre 2017).

Le cause

Nei soggetti più sensibili i cambiamenti climatici e la diminuzione delle ore di luce sono in grado di provocare un senso di malessere che, seppur frustrante, non arriva però a limitare la vita quotidiana. Infatti spesso ci si sente stanchi, giù di tono, assonnati, si desidera mangiare dolci… il nostro orologio biologico sembra andare in tilt!

Leggi anche: Le 3 fonti della tristezza e qualche risorsa per affrontarla

Niente paura: un disturbo stagionale non è una condiziona patologica

La dottoressa Colombo ci tiene a specificare che è importante distinguere un disturbo stagionale da una condizione patologica: “La vera depressione viene diagnosticata quando, per almeno due settimane, si è incapaci di svolgere le normali attività quotidiane: il tono basso dell’umore persiste tutto il giorno, a prescindere dalla luce e dagli eventi piacevoli; si perde qualsiasi interesse, anche verso quello che prima appassionava; tutto comporta fatica, si dorme male, manca l’appetito e si cullano solamente pensieri negativi, sovente di morte”. (BenEssere, Novembre 2017)

Cosa fare per migliorare l’umore?

Acquistando la rivista troverete tutti i suggerimenti per combattere la tristezza autunnale, intanto ve ne anticipiamo qui alcuni:
– Sostare in stanze luminose dalle otto alle dieci del mattino
– Fare una camminata veloce all’aria aperta di almeno mezz’ora
– Comprendere nella propria dieta alimentare cibi dalle proprietà tonificanti ed energizzanti come: semi di girasole, cioccolato fondente, lenticchie, fagioli, banane, spinaci…

Leggi anche: Non solo la tristezza, ma anche l’irritabilità può essere un segnale di depressione

E poi… un bicchiere di vino rosso e qualche castagna arrostita in compagnia potranno davvero far riaccendere il nostro sorriso!

Per maggiori informazioni e abbonarsi alla rivista “BenEssere”

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni