Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

6 cose sorprendenti che accadono quando decidi di abbracciare il silenzio

Condividi
Commenta

di Ruth Baker

Negli ultimi mesi ho davvero cercato di abbracciare più spesso il silenzio. Mettere via le cuffiette, spegnere Netflix, uscire da Instagram e rimanere tranquilla. Pregare più spesso, senza distrazioni.

Con mia sorpresa, non è così semplice. Non penso di essere l’unica a lottare con questa difficoltà. Ecco un’idea di com’è stato per me finora.

1. Vi sedete e succede questo:

2. Andate tranquilli in camera vostra per rimanere in silenzio e il figlio del vostro vicino inizia a gridare in cortile:

3. Vi dite che spegnerete la televisione entro cinque minuti, ma all’improvviso sviluppate un profondo interesse per uno sport strano e non riuscite a distogliere lo sguardo:

4. L’album che aspettavate da un anno e mezzo è finalmente uscito e non riuscite a smettere di cantare:

5. State per mettere il cellulare in modalità aereo per avere un po’ di tranquillità e vedete che la chat del vostro gruppo si è appena svegliato:

6. Pensate che vi metterete a pregare non appena avrete finito di pulire il bagno, la cucina, il soggiorno, e – perché no – anche il garage:

Scherzi a parte, sto ancora lavorando sul fatto di stare in silenzio, ma nonostante le mie frustrazioni e i miei fallimenti nel perseguire il silenzio so che questo è del tutto necessario per la nostra vita spirituale. So che quando non mi fermo e non faccio una pausa dai social media, dalla musica e dai video inseriti tra le responsabilità della vita quotidiana la mia anima si affatica.

Tutti i problemi dell’umanità derivano dall’incapacità umana di sedere tranquillamente in una stanza da soli (Blaise Pascal).

Pagine: 1 2

Tags:
silenzio
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni