Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconStorie
line break icon

Quando una satanista ha provato a rubare l'Eucaristia

Philip Kosloski - pubblicato il 24/10/17

È arrivata fino al cimitero, e poi...

Durante il XV secolo, nel piccolo villaggio svizzero di Ettiswil si verificò un evento miracoloso dopo che era stato commesso un crimine terribile. Un’ostia consacrata venne rubata dalla vicina chiesa parrocchiale da un membro di una setta satanica. Si chiamava Ann Vögtli e scappò via dalla chiesa con l’Eucaristia in mano.

Non è registrato il motivo esatto della sua azione, ma le ostie consacrate vengono spesso rubate nelle chiese per essere profanate da gruppi satanici, di frequente durante la cosiddetta “Messa nera”, in cui viene ridicolizzata la Messa cattolica con rituali bizzarri. Uno dei giorni più popolari dell’anno per le “Messe nere” è Halloween, considerata da molti gruppi una “festa” satanica.

Dopo aver lasciato la chiesa parrocchiale, la Vögtli corse fino a raggiungere il muro del cimitero. Cercò di superarlo, ma all’improvviso l’Eucaristia divenne troppo pesante da trasportare.

In seguito la Vögtli confessò: “Dopo aver inserito la mano nello stretto portone d’acciaio afferrai l’Ostia, ma non appena fui arrivata dietro al muro del cimitero questa divenne così pesante che non riuscii più a trasportarla. Non essendo in grado di andare né avanti né indietro gettai via l’Ostia lì vicino tra le ortiche”.

Una giovane donna scoprì l’Eucaristia nell’ortica, ma l’Ostia si era trasformata in quello che sembrava un fiore. Spiegò che “l’Ostia rubata venne divisa in sette sezioni. Sei di esse formavano un fiore simile a una rosa, e una grande luce le circondava”. Il parroco venne informato e riuscì a riprendere sei sezioni, mentre la settima non si riusciva a smuovere. Lo considerò un segno del fatto che in quel luogo doveva essere costruita una cappella.

Un reliquiario contenente l’Ostia miracolosa venne custodito nella cappella costruita sul posto, e nel corso degli anni si sono verificati vari miracoli a beneficio di quanti hanno venerato la reliquia.

Questa storia è un potente promemoria del potere di Dio e della sua capacità di trarre un bene maggiore da qualcosa di orribile.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
miracoliprofanazione
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni