Aleteia
martedì 27 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Chiesa

Così padre Bergoglio insegnava ai bambini a condannare il diavolo

POPE FRANCIS,GENERAL AUDIENCE

Antoine Mekary | Aleteia | I.Media

VATICAN CITY 11 OCTOBER 2017: Photographs from the General Audience with Pope Francis on October 11, 2017 at Saint Peters Square in Vatican City, Rome, Italy.

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 24/10/17

Quando era parroco in Argentina, per insegnare gli "Esercizi Spirituali"di Sant'Ignazio… lo faceva bruciare!

Tra il 1980 e il 1986 Jorge Bergoglio è stato rettore del collegio massimo dei Gesuiti “San José” nella città di San Miguel (provincia di Buenos Aires), e allo stesso tempo parroco della parrocchia del collegio intitolata al “Patriarca San José”.

Padre Antonio Spadaro in Adesso fate le vostre domande” (Rizzoli) riporta una conversazione in cui Papa Francesco gli racconta un curioso aneddoto che riguarda il suo rapporto con i più piccoli in parrocchia.

@Cyberteologia

LA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA

Bergoglio aveva una sintonia speciale con tutti i bambini.«Ricordo la prima domenica di una Quaresima…ce n’erano più di trecento…». A questo punto il Papa imita quello che faceva con loro, persino il tono di voce, direttivo, ma affettuoso. «Stai zitto, tu….e tu, tu, vieni». «E poi cominciava un veroe proprio teatro», dice a Spadaro. «Io recitavo. Io predicavo così».




Leggi anche:
Papa Francesco:” È un dovere di tutti proteggere i bambini”

“IL DIAVOLO COSA FACEVA CON GESU’?”

Per esempio, ricorda, «la prima domenica di Quaresima chiedevo: “Il diavolo che cosa faceva con Gesù”? “Ha fatto questo perché voleva che Gesù si sottomettesse…voleva regnare lui, il diavolo”. “Voi capite chi è il diavolo?”, chiesi una volta molto infervorato. E i bambini, presi dall’emozione, urlarono facendo capire molto bene con parole e suoni quanto lui fosse cattivo e da tenere lontano».

Bergoglio prosegue ancora nel racconto: «”Eh… bambini state attenti, lui farà lo stesso con voi!”. E finivo così. Poi un’altra volta, a Pentecoste, predicavo e chiedevo ai bambini: “Chi viene a Pentecoste?”. I bambini si guardavano e dicevano: “Lo Spirito Santo!”. E io, non soddisfatto chiedevo: “E chi è lo Spirito Santo?”.. E chiesi ad un bambino in fondo, e lui rispose: “Il paralitico!”. Non riusciva a dire il “paraclito”! Ci divertivamo, Ridevo tanto. Io facevo il parroco sopratutto con i bambini».




Leggi anche:
Papa Francesco: “Proteggere i bambini nel nome del Santo Niño”

ANGELO E DEMONE

Il futuro Papa Francesco ricorda sopratutto quello che succedeva alla festa dei bambini. «In quella festa bruciavamo il diavolo. Era un modo per fare con i bambini la meditazione delle due bandiere di Sant’Ignazio. Da una parte c’era il diavolo e dall’altra un angelo. Preparavo un diavolo grande fatto di stoffa e dentro mettevo dei petardi. Si faceva una catechesi. Poi per i bambini proiettavamo un film e le bambine, invece, andavano a giocare. Poi la merenda… e poi andavamo dal Collegio Massimo alla parrocchia. Andavamo come in processione».

SANT’IGNAZIO

E qui si consumava il “rito”. «Tutti eravamo molto seri. I bambini lo sapevano e urlavano: “Bruciamo il diavolo”. Quindi si accendeva il fuoco. Tutti urlavano. Era un’esplosione di petardi. I bambini si divertivano. Era un teatro – ricorda Bergoglio – che li aiutava ad imparare. Per me era un modo per far fare il terzo esercizio della prima settimana di “Esercizi Spirituali”. Sant’Ignazio in questo esercizio vuole stimolare la capacità di condannare il male e di suscitare odio verso il peccato».




Leggi anche:
Papa Francesco e Sant’Ignazio di Loyola: trova le differenze

“ABBIAMO VINTO…”

Ma non finiva così. «Ognuno aveva con sé un biglietto con qualcosa che voleva chiedere a Dio. Si mettevano questi biglietti in una borsetta. E c’era un angelo grande grande fatto di polistirolo con tanti palloncini di elio. L’angelo portava un cartello con l’indirizzo della parrocchia. Si pregava. Dicevamo: “Abbiamo vinto il diavolo e adesso preghiamo Dio che è nostro Padre”. E liberavamo l’angelo che, grazie ai palloncini, saliva. E poi tutti a pregare…mentre l’angelo saliva».

Una volta, rammenta Bergoglio, «era arrivato fino all’Uruguay e da lì hanno chiamato! Io facevo il parroco così. Ed ero felice».




Leggi anche:
Quando Jorge Bergoglio faceva bruciare il Diavolo ai bambini

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
antonio spadarobambinidiavololibropapa francesco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni