Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Cos’è la mano di Fatima?

AMULET
Condividi

Un amuleto o segno molto diffuso nelle culture orientali, che molti usano come talismano senza sapere cosa significhi

In base alle prove archeologiche, gli amuleti erano molto diffusi nelle culture antiche delle terre bibliche. Gli amuleti sono pendenti o altro tipo di oggetti magici e/o incantati usati dalla gente per proteggersi dalle energie negative, dal male e da lesioni, e anche per portare fortuna.

Insieme ad altri tipi di talismani, gli amuleti stanno diventando molto popolari. Uno di questi, che si usa in catenine, braccialetti o tatuaggi, è “La mano di Hamsa” (in arabo) o “La mano di Fatima”.

HAMSA
Shutterstock-Tierre3012

1. Storia del simbolo

L’uso dell’hamsa, parola che in arabo significa “cinque”, è documentato fin dall’antichità. Probabilmente è stato inserito in quelle culture come evocazione del motivo noto della “mano di Dio”, che si può vedere nell’iconografia ebraica a partire dal 244 d. C. negli affreschi della sinagoga di Dura Europos in Siria e dal 518-527 d. C. nei mosaici che Marianos e Janina realizzarono nella sinagoga di Beit Alfa in Galilea (Israele).

Come amuleto, l’hamsa è stato introdotto dai Cartaginesi dall’820 d. C., e in Nordafrica era ritenuto un attributo della dea Tanit, la più importante della mitologia cartaginese, consorte di Baal e patrona di Cartagine. Il suo culto era associato alla Luna e alla fertilità.

In seguito come amuleto passò ai berberi e ai maghrebini, significando protezione, autorità, forza e potere. Le culture ebraica e araba adottarono l’hamsa come motivo indipendente. Esistono quindi affinità tra l’amuleto islamico e “la mano di Dio” propria delle culture occidentali.

2. Simbolismo della mano di Fatima

L’hamsa è un simbolo formato da una mano con cinque dita. Attaccati al medio ci sono l’indice e l’anulare, con questi un po’ più corti del medio, ma hanno le stesse dimensioni tra loro. Ai lati di questo simbolo ci sono due pollici, anch’essi delle stesse dimensioni e inclinati verso l’esterno.

Rispetto a questo simbolo, anche se non proviene dall’islam e anche se nel Corano l’uso della superstizione è proibito, questa religione stabilisce in genere un rapporto tra le cinque dita della mano di Fatima e i cinque pilastri dell’islam. Gli ebrei fanno lo stesso con il Pentateuco, i cinque libri della Torah. Il simbolo, tuttavia, non ha alcuna relazione con l’ebraismo o l’islam.

Questo simbolo può avere più di un significato, e tutto dipende dal fatto che si collochi la mano di Fatima verso l’alto o verso il basso. Verso l’alto, che è poi la posizione originale, indica forza, potere e benedizione. Si usa anche contro il malocchio e per difendere la persona che lo porta, ed è per questo che molti lo chiamano “la mano protettrice di Fatima”.

Il significato della mano di Fatima verso il basso, però, cambia completamente, visto che si usa in genere con “l’occhio di Fatima”, più noto come “Occhio turco” o “occhio di Dio”, in genere blu, e attira fortuna, pazienza e amore, venendo per questo chiamato anche “la mano della fortuna”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni