Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 12 Giugno |
Cuore Immacolato
home iconFor Her
line break icon

Come riconoscere un bambino con grandi capacità?

Shutterstock

Mathilde De Robien - pubblicato il 20/10/17

Jeanne Siaud-Facchin presenta l’esempio di un’adolescente di 13 anni. Alla domanda: “Cosa fa sì che il ferro si ossidi?”, lei risponde: “Non lo so”. La psicologa chiede: “Cos’è che non sai?” La ragazzina risponde: “Non conosco il processo chimico che permette di spiegare l’ossidazione!” La risposta “ossidazione” era così ovvia per lei che non poteva essere quella che ci si attendeva.

Il bambino superdotato intende le parole alla lettera, e quindi queste devono essere usate nella loro accezione più precisa. Questo bambino deve capire tutto, lega i come e i perché. La ricerca di senso è al centro della sua attività intellettuale ed è la forza motrice del suo pensiero.

Tutto deve avere una logica, perché il minimo dubbio, la minima incertezza introduce un granello di sabbia, una variabile negli ingranaggi della sua logica interna. Non sa come gestire l’incertezza, che lo inquieta e lo destabilizza. E a volte può soffrire per il fatto di non riuscire a far spazio al dubbio, di non riuscire a farsi trasportare.

Un bambino superdotato ha un ragionamento logico-matematico insolito. Si sente a suo agio con il calcolo mentale. Curiosamente questa logica, molto utile da piccoli, rappresenta un ostacolo all’imparare a memoria le tabelline. Se il bambino non ha successo non è per mancanza di buona volontà, ma perché non vede l’utilità di impararle a memoria quando può ottenere il risultato corretto con il proprio calcolo mentale super-rapido che usa la somma e la sottrazione come struttura basica di calcolo.


ALEXANDRE MORRISSEY

Leggi anche:
Questo giovane “prodigio” canta come un angelo

In seguito non segue i modelli accademici e non sa spiegare come arriva a un risultato corretto. Per questo la matematica può diventare più difficile all’università, quando si vede costretto a sviluppare il suo ragionamento e spiegare il risultato. Il superdotato ha un funzionamento logico-matematico intuitivo.

La mente del bambino superdotato abbonda di pensieri, è sempre in funzione. Si organizza in una struttura ad albero, dividendo e suddividendo ogni idea in idee nuove, associazioni di idee, analogie… Il pensiero comune è lineare, progressivo, riduce alle informazioni rilevanti ogni tappa del pensiero, mentre il pensiero del bambino superdotato si costruisce a reti, per ramificazioni. Questa peculiarità, combinata con una memoria eccezionale, apre la strada a idee brillanti, alla creatività e alle invenzioni.

Questo pensiero sempre in azione è difficile da organizzare e strutturare. Esprimersi è molto difficile. Come riuscire a comunicare in poche parole la molteplicità di connessioni che si formano simultaneamente nel cervello? Il bambino precoce ha difficoltà a ordinare le idee e selezionare informazioni rilevanti. Questa difficoltà è al centro dell’adattamento (o non adattamento) ai requisiti accademici.

Una personalità affettiva diversa

I bambini superdotati hanno caratteristiche emotive ben identificabili, sulle quali poi costruiscono la propria identità. Ecco le tre particolarità di base individuate da Jeanne Siaud-Facchin:

Ipersensibilità. I 5 sensi si esacerbano, e il bambino percepisce con un’acutezza eccezionale tutto ciò che accade intorno a lui. Si vede costantemente bombardato da informazioni sensoriali dell’ambiente. È particolarmente sensibile alle ingiustizie. Spesso affronta varie paure, frequentemente intense, che provengono da un segnale esterno o da un’espereinza intima vissurta fin dalla nascita.




Leggi anche:
Una versione straordinaria di “O Come, O come, Emmanuel”, eseguita da un prodigioso pianista di 17 anni, non vedente e autodidatta

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
bambiniintelligenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Histórias com Valor
Bambino uscito dal coma: ho visto la mia sorellina abortita
4
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni