Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Scopri l’alfabeto della Teologia del Corpo di San Giovanni Paolo II

© Public Domain
Wojtyla e il maestro di sci, un'amicizia a tremila metri
Condividi

Dall’Agape alla concupiscenza, dal godimento alla mascolinità. Le parole chiavi che hanno reso celebre gli insegnamenti di Wojtyla

Un vero e proprio alfabeto della Teologia del Corpo. Con le definizioni e le spiegazioni dei termini più difficili utilizzati da san Giovanni Paolo II nelle sue catechesi.

Parole chiavi che si possono trovare nel “Compendio della Teologia del Corpo” (edizioni Ares) di San Giovanni Paolo II, nell’edizione curata da Yves Semen.

AGAPE

«Agape» è il termine abitualmente usato per esprimere l’amore nell’antica traduzione greca dell’Antico Testamento, la versione dei Settanta. Anche nel Cantico dei Cantici è con il termine «agape» che la Settanta designa l’amore erotico. L’amore nel senso di agape è l’amore che nasce dal pensiero e dalla volontà. Si tratta di un amore gratuito, oblativo, che tende alla scoperta dell’altro e il cui scopo è la ricerca del bene dell’altro.

Leggi anche: Che cos’è l’erotismo secondo la Teologia del Corpo?

BELLEZZA

La bellezza è un aspetto chiave dell’argomentazione complessiva della Teologia del corpo. Giovanni Paolo II intende lasciare che l’amore manifesti la sua bellezza e quindi il suo potere di persuasione. Uno degli scopi essenziali dello studio del «principio» consiste nello scoprire la bellezza originale della vocazione al matrimonio. La chiamata al celibato esprime il significato sponsale del corpo in tutta la sua bellezza.

CONCUPISCENZA

Termine tecnico che indica una forma corrotta di desiderio che si appropria di qualcosa come di un semplice oggetto da usare, nella maggior parte dei casi allo scopo di trarne piacere. Questo uso tecnicamente teologico del termine «concupiscenza» si basa sulla traduzione della prima lettera di san Giovanni nella Vulgata (1 Gv 2, 16): «Tutto quello che è nel mondo, la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita, non viene dal Padre, ma dal mondo».

DESIDERIO

Per natura, il desiderio sessuale provocato dall’eterna attrazione della femminilità per l’uomo e della mascolinità per la donna è positivo, poiché tende alla comunione di persone. Ciò nonostante, il desiderio può assumere un senso negativo in quanto riduzione della ricchezza della profonda attrazione della mascolinità e della femminilità alla semplice soddisfazione dei bisogni sessuali.

Leggi anche: 10 grandi citazioni dalla Teologia del Corpo di Giovanni Paolo II

ECCITAZIONE

Termine usato nella Teologia del corpo nel senso di eccitazione sessuale. L’eccitazione sessuale è, prima di tutto, «corporale» e provocata dai valori sessuali percepiti nel corpo dell’altro, mentre l’emozione si riferisce alla persona dell’altro compresa nella sua «integralità».

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni