Aleteia

Preghiera per la liberazione dal male di San Giovanni Paolo II

Giancarlo Giuliani / CPP
Condividi
Commenta

Quando consacrò il mondo al Cuore Immacolato di Maria, Giovanni Paolo II usò una preghiera molto potente

Era il 1984, e San Giovanni Paolo II stava presiedendo una Messa per le Famiglie durante l’Anno Giubilare Straordinario della Redenzione. Si trovava davanti a un mondo in una situazione turbolenta (si era verso gli ultimi tempi della Guerra Fredda), e riconosceva la necessità di supplicare l’aiuto di Dio per liberare il mondo dal male.

Quell’occasione venne sottolineata dalla presenza della statua originale di Nostra Signora di Fatima a Roma, accanto all’altar maggiore. Durante la Messa, Giovanni Paolo II guidò i presenti in una “Consacrazione di Tutti gli Individui e di Tutti i Popoli del Mondo al Cuore Immacolato di Maria”.

“Affiderò al suo Cuore Immacolato – in unione spirituale con tutti i vescovi del mondo – tutti gli individui e tutti i popoli, ripetendo in sostanza l’atto che ho compiuto a Fatima il 13 maggio 1982”, disse.

Alla fine della consacrazione, Giovanni Paolo II pronunciò una potente preghiera che chiede a Dio di liberarci dai tanti volti del male. È una preghiera che mantiene intatta la sua importanza di fronte al male che continua a piagare il mondo.

Oh, Cuore Immacolato! Aiutaci a vincere la minaccia del male, che così facilmente si radica nei cuori degli stessi uomini d’oggi e che nei suoi effetti incommensurabili già grava sulla nostra contemporaneità e sembra chiudere le vie verso il futuro!

Dalla fame e dalla guerra, liberaci!

Dalla guerra nucleare, da una autodistruzione incalcolabile, da ogni genere di guerra, liberaci!

Dai peccati contro la vita dell’uomo sin dai suoi albori, liberaci!

Dall’odio e dall’avvilimento della dignità dei figli di Dio, liberaci!

Da ogni genere di ingiustizia nella vita sociale, nazionale e internazionale, liberaci!

Dalla facilità di calpestare i comandamenti di Dio, liberaci!

Dai peccati contro lo Spirito Santo, liberaci! liberaci!

Accogli, o Madre di Cristo, questo grido carico della sofferenza di tutti gli uomini! Carico della sofferenza di intere società!

Si riveli, ancora una volta, nella storia del mondo l’infinita potenza dell’Amore misericordioso! Che esso fermi il male! Trasformi le coscienze! Nel tuo Cuore Immacolato si sveli per tutti la luce della Speranza!

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni