Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Inviteresti chiunque al tuo matrimonio? Dio sì…

Condividi

Voglio avere un cuore tale che chiunque possa sentirsi a proprio agio accanto a me

Oggi Gesù mi ricorda che la festa è per tutti. Quando alcuni rifiutano il suo invito manda i servi a cercare chiunque trovino per strada. Invita chi non viene invitato da nessuno: il matrimonio è pronto, ma gli invitati non se lo meritavano. Ora dice ai servi di andare ai crocicchi delle strade e di invitare al matrimonio tutti quelli che incontrano.

Mi piace che sia così. Il cuore di Gesù è un cuore generoso, in cui c’è spazio per tutti. Il mio spesso non è così. Non sono generoso come Gesù. Non c’è spazio per chi non la pensa come me. Non lascio entrare chiunque non possa poi ricambiare invitandomi alla sua festa.

Credo che a volte uso le persone per i miei interessi. Quando non sono molto utili le ignoro. È davvero così? Mi fa paura che mi succeda una cosa del genere. Vorrei essere più ospitale, più accogliente, avere un cuore senza barriere e non accogliere solo chi mi vuole bene.

Leggevo l’altro giorno: “Quando le nostre anime non sono tranquille, quando siamo trascinati da migliaia di stimoli diversi e spesso conflittuali e ci sentiamo inseriti per assoluta necessità psicologica tra le persone, le idee e le preoccupazioni di questo mondo, come possiamo creare uno spazio in cui qualcuno diverso da noi possa entrare liberamente senza sentirsi un intruso?” [1].

Nel mio cuore non c’è posto per tutti, perché è pieno delle cose del mondo. E costruisco barriere e muri per non far entrare tutti. Non ho voglia di costruire ponti. Forse per questo a volte non c’è posto neanche per Dio e per quello che lo rallegra.

Leggi anche: Perché “Vieni come sei” non va bene per il banchetto di Dio

Ma voglio avere un cuore grande. Senza porte chiuse. Voglio invitare molti a camminare con me nel giardino della mia anima.

Leggevo che “si tratta della capacità di guardare, faccia a faccia, le dimensioni di una fraternità spezzata, e di scoprire in essa i semi del Regno. Si tratta di portare speranza. Di illuminare (se stessi e gli altri) nei luoghi d’ombra. Con una luce diversa. Con quell’amore infinito che ci rende tanto umani e ci avvicina a Dio” [2].

Quello sguardo nuovo sugli altri porta luce nell’oscurità. Quello sguardo cambia il modo di accogliere chi è lontano da me. Tutti possono partecipare alla mia festa. Non ci sono inviti esclusivi.

Ma tante volte non è così. Mi costa condividere la mia gioia. La tengo per me. Non invito chi non lo merita. Non invito chi non può restituirmi quello che gli offro. Mi sento così egoista… Non esco per le strade cercando tutti come fa Gesù.

Lui invece esce. La sua festa è per tutti. Non vuole essere solo alla sua festa. A me sembra importare meno del fatto di stare da solo alla mia festa. Soffro la solitudine. Mi fa male. Ma mi costa condividere le mie gioie e le mie pene. Una gioia non condivisa è meno gioia.

Voglio avere un cuore tale che chiunque possa sentirsi a proprio agio al mio fianco. Voglio essere capace di parlare di qualsiasi cosa con chiunque, senza pregiudizi. Non voglio fare eccezioni di persone, né avere dei tabù nelle mie conversazioni. Non voglio vivere lasciando alcuni da parte e accogliendo altri. Non voglio alzare barriere.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni