Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Chi è Gesù Cristo per Bono?

Interscope
Condividi

In un’intervista rilasciata alla televisione pubblica irlandese Raidió Teilifís Éireann (RTÉ) al giornalista Gay Byrneel, il leader della band degli U2 ha spiegato chi sia Gesù per lui. L’intervista è del 2014, e vale la pena di trascriverne la traduzione:

Bono: “Ho cercato nelle Scritture per trovare verità poetiche, oltre al lato storico a cui sono interessato, e chiaramente c’è un Gesù storico…”.

Byrne: “Bene, io sto parlando di Dio”.

Bono: “Ah, bene… La persona di Gesù è il mio modo di capire Dio”.

Byrne: “Prega?”.

Bono: “Sì”.

Byrne: “Chi o cosa prega?”.

Bono: “Cristo”.

Byrne: “Cristo… E cosa chiede?”.

Bono: “Prego per conoscere la volontà di Dio. Perché allora le preghiere hanno più probabilità di trasformarsi in realtà. Nella preghiera la questione è questa, no? Nella nostra famiglia non lo facciamo in modo molto ‘esagerato’. Semplicemente alcuni di noi si mettono sul letto – abbiamo un letto molto grande… Abbiamo pregato con tutti i nostri figli, leggiamo le Scritture, preghiamo… non è una cosa regolare. A volte quando andiamo in chiesa la domenica andiamo per conto nostro come famiglia”.

Byrne: “Per una questione di pace e tranquillità”.

Bono: “Per una questione di pace e tranquillità. E in genere preghiamo per le persone che sappiamo stanno lottando contro qualcosa – una malattia…”.

Byrne: “Chi o cos’era Gesù secondo lei?”.

Bono: “Credo che ‘Chi è stato Cristo?’ sia una domanda determinante per i cristiani. E credo che non la si possa eludere facilmente dicendo ‘È stato un grande pensatore, o un grande filosofo’. Perché di fatto egli stesso diceva di essere il Messia, ed è questo il motivo per cui è stato crocifisso. È stato crocifisso perché ha detto che era il Figlio di Dio. E quindi, dal mio punto di vista, o era il Figlio di Dio o…”.

Byrne: “O non lo era”.

Bono: “No, no… o era un pazzo! Dimenticate i complessi di messia del rock’n’roll! Mi riferisco ad avere deliri tipo Charlie Manson. E mi costa accettare che milioni e milioni di vite, la metà della Terra, per duemila anni siano state toccate, abbiano sentito che la loro vita sia stata toccata e ispirata da un pazzo. Semplicemente non riesco a crederci”.

Byrne: “Quindi crede che Gesù fosse divino”.

Bono: “Sì”.

Byrne: “E crede che sia risorto fisicamente dai morti”.

Bono: “Sì… non ho alcun problema con i miracoli. Sono circondato dai miracoli. Io sono uno di loro”.

Byrne: “Quindi, quando prega, prega Gesù”.

Bono: “Sì”.

Byrne: “Il Gesù risorto”.

Bono: “Sì”.

Byrne: “E lei crede che abbia fatto delle promesse che diventeranno realtà”.

Bono: “Sì. Credo di sì”.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni