Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Preghiera per imparare a perdonarti

Fabio PIGNATA/CPP/CIRIC
Condividi

Ti aiuterà a trovare il perdono interiore che può guarire le tue ferite

di padre Pedro Guerra, sacerdote eudista

Perdonare se stessi a volte risulta molto più difficile che perdonare qualcun altro. Quando abbiamo qualche senso di colpa per una cosa accaduta in passato, in genere proviamo una tremenda sensazione di infelicità.

È importante per tutti poter perdonare, per poter andare avanti e liberarci da quelle angosce che destabilizzano i nostri sensi. Perdonare se stessi aiuta anche a migliorare la salute.

Innanzitutto vi invitiamo a leggere uno dei salmi, che rallegra molte persone. Si tratta di un salmo che è un’azione di grazie nei confronti di Dio per il perdono che ci ha concesso:

“Beato l’uomo a cui è tolta la colpa e coperto il peccato. Beato l’uomo a cui Dio non imputa il delitto e nel cui spirito non è inganno. Tacevo e si logoravano le mie ossa, mentre ruggivo tutto il giorno. Giorno e notte pesava su di me la tua mano, come nell’arsura estiva si inaridiva il mio vigore. Ti ho fatto conoscere il mio peccato, non ho coperto la mia colpa. Ho detto: ‘Confesserò al Signore le mie iniquità’ e tu hai tolto la mia colpa e il mio peccato” (Salmo 32(31),1-5)

Ecco una preghiera di guarigione e liberazione sul perdono alla quale potrete ricorrere ogni giorno, se è necessario, nei momenti di debolezza o di oscurità, che può aiutarvi a trovare il perdono interiore in grado di guarire le vostre ferite.

Preghiera del perdono

Mio amato Gesù, sono venuto da Te in questo momento perché so che solo Tu mi puoi aiutare. Voglio raccontarti quello che porto nel cuore.

So che Tu mi puoi riempire di benedizioni, e per questo ti offro tutto ciò che sono. Prendi la mia vita, prendi il deserto della mia vita e fallo fiorire. Tu mi hai detto che non mi abbandonerai, e io confido in questa parola, credo in lei, credo che sia una promessa d’amore.

Voglio chiederti perdono per i miei peccati. Effondi il tuo sangue benedetto su di me. Perdonami, Signore mio, per tutto ciò che non ho fatto bene, per tutto il male che ho fatto volendo fare il bene. Non ho agito come dovevo.

Riconosco i miei errori. Spesso, ogni giorno, mi dimentico di Te. Mi sono dimenticato del tuo amore, della tua misericordia, delle volte che ho trasformato la mia vita in qualcosa che non ha direzione.

Spesso ho creduto in molte cose al di fuori di Te e non nel tuo amore sincero, e per questo a Te, Padre mio, che mi ami incondizionatamente, chiedo perdono per i miei peccati, perché serbo ancora rancore nel mio cuore, perché non mi perdono per il danno che ti ho provocato, per le volte in cui ho creduto nei malefici, negli incantesimi, negli esoterismi e nelle cose senza senso che mi hanno allontanato dalla tua bontà. Spezza, Signore, tutte quelle catene che mi hanno legato per farmi vivere una vita piena di dolore e sofferenza.

A volte penso che il mio peccato sia così grave che non sono degno del tuo perdono. Per questo, ti prego, ti imploro, ti supplico di seminare nella mia anima l’umiltà, l’amore, la fiducia per potermi perdonare quelle ferite che mi ha lasciato il vuoto di non averti e di allontanarti da me.

Ti chiedo perdono, Gesù mio, per tutte le mancanze commesse contro i miei fratelli. Sono caduto nei pettegolezzi e ho parlato male di loro, ho agito male e non ho saputo vivere il servizio della generosità, della solidarietà e della gentilezza nei loro confronti. Ho agito accecato dalla rabbia, dall’ira. Perdono, Signore, perdono.

Perdonami per i momenti in cui ho voluto gettare la spugna, in cui non ho valorizzato il fatto di essere una tua creatura. Perdonami per quando ho gridato al mondo intero che non ce la faccio più, che non riesco ad andare avanti.

Perdonami per i momenti in cui non mi sono valorizzato, in cui ho pensato che non servo a niente in questo mondo. Voglio sentire che ripulisci il mio cuore, che mi liberi.

Voglio sapere che sei con me e che ogni frustrazione e ogni desiderio di miseria che abita in me viene distrutto dal potere della tua Croce.

Solo Tu, Signore della storia, mi dai vita in abbondanza, e per questo mi ritiro fiducioso di sapermi perdonato, sano e liberato dal tuo amore.

Da oggi in poi riempimi della tua forza. Ho sempre bisogno del tuo amore, del tuo perdono e della tua gioia per vivere. Voglio sentire la tua presenza, la tua pace, la tua gioia in ogni circostanza della mia vita.

Riempimi del tuo potere, riempimi di forza e soprattutto inviami il tuo Spirito Santo, il grande Consolatore, perché guidi i miei passi e io possa camminare verso di Te, sentendomi perdonato e amato da Te.

Mi perdono, mi perdono, mi perdono per il tuo amore e la tua bontà. Mi perdono per la tua Croce e per la tua Parola che tutto sana e tutto rinnova.

Amen.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni