Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

Il “giorno più felice” nella vita di Madre Teresa di Calcutta

Mother Teresa Pope
AFP
Mère Teresa rencontre le Saint Siège au Vatican en 1978. Ainsi que le Saint du XXème siècle lui a rendu visite lors de son voyage en Inde en 1986. -- Mère Teresa embrassant la main du Pape le 8 novembre 1978.
AFP PHOTO
Condividi

Quando incontrò un altro santo

La coppia contemporanea di santi e amici più nota è probabilmente quella formata da Madre Teresa di Calcutta e San Giovanni Paolo II, le cui strade si sono incrociate molte volte nel periodo in cui la religiosa è stata superiora delle Missionarie della Carità e Giovanni Paolo II era vescovo di Roma. Nel 1986, quando il Papa visitò la casa di Madre Teresa nel cuore dei quartieri poveri di Calcutta, la santa definì l’occasione “il giorno più felice della mia vita”.

Dopo l’arrivo del Santo Padre sul posto, Madre Teresa salì sulla papamobile bianca e baciò il suo anello, noto come “anello del pescatore”. Il Pontefice baciò a sua volta la testa della santa, un saluto che si ripeteva a ogni incontro.

Dopo il caloroso benvenuto, Madre Teresa portò Giovanni Paolo II nella sua casa Nirmal Hriday (Sacro Cuore), che ospitava malati, indigenti e moribondi, fondata negli anni Cinquanta.

Il materiale fotografico della visita mostra la religiosa che conduce il Papa per mano nelle varie zone della casa, mentre il Pontefice si fermava ad abbracciare, benedire e salutare i pazienti. Benedisse anche quattro cadaveri, tra cui quello di un bambino.

In base ai resoconti forniti dalla BBC, Papa Wojtyła era “visibilmente emozionato” durante il percorso, mentre aiutava le suore a nutrire e curare malati e moribondi. In certi momenti il santo Padre era così sorpreso da ciò che vedeva da non trovare le parole per rispondere a Madre Teresa.

In seguito il vescovo di Roma pronunciò un breve discorso fuori dalla struttura, chiamando la casa Nirmal Hriday “un luogo che testimonia il primato dell’amore”.

“Gesù Cristo, mentre insegnava ai suoi discepoli come potessero meglio dimostrare il loro amore per lui, disse: ‘In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo dei miei fratelli più piccoli, lo avete fatto a me’. Con l’aiuto di madre Teresa e delle Missionarie della Carità e di molti altri che hanno prestato servizio qui, Gesù Cristo è stato profondamente amato da coloro che la società considera spesso ‘gli ultimi dei nostri fratelli più piccoli’”, disse.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.