Aleteia

Papa Francesco: cristiani in Oriente vivono diaspora sempre più inquietante

Antoine Mekary | Aleteia | I.Media
VATICAN CITY 11 OCTOBER 2017: Photographs from the General Audience with Pope Francis on October 11, 2017 at Saint Peters Square in Vatican City, Rome, Italy.
Condividi
Commenta

Nel centenario dell'istituzione della Congregazione per le Chiese orientali il pontefice ha voluto una celebrazione speciale a Santa Maria Maggiore

di Roberta Gisotti

100 anni fa, nel 1917, Benedetto XV istituiva la Congregazione per le Chiese orientali e il Pontificio istituto orientale. In questa ricorrenza Papa Francesco ha celebrato, stamane, una Messa nella basilica romana di Santa Maria Maggiore. Se “allora infuriava la Prima guerra mondiale”, oggi viviamo – ha ripetuto nella sua omelia – “un’altra guerra mondiale, anche se a pezzi.”

“E vediamo tanti nostri fratelli e sorelle cristiani delle Chiese orientali sperimentare persecuzioni drammatiche e una diaspora sempre più inquietante.”

“Questo fa sorgere delle domande, tanti perché” al Signore

“Vediamo i malvagi, che senza scrupoli fanno i propri interessi, schiacciano gli altri, e sembra che a loro le cose vadano bene: ottengono quello che vogliono e pensano solo a godersi la vita.

Questi ‘perché’ ricorrono anche nella  Sacra Scrittura, ce li poniamo tutti” ha detto Francesco. E, la risposta è nella stessa Parola di Dio, che tiene un libro di memorie “per coloro che lo temono e che onorano il suo nome.”

“Dio non dimentica i suoi figli, la sua memoria è per i giusti, per quelli che soffrono, che sono oppressi e che si chiedono ‘perché?’, eppure non cessano di confidare nel Signore.”

E “c’è un modo – ha raccomandato Francesco – per fare breccia nella memoria di Dio: la nostra preghiera”.

“Quando si prega ci vuole il coraggio della fede: avere fiducia che il Signore ci ascolta, il coraggio di bussare alla porta”.

“Il Signore lo dice: ‘chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto’.”

“Ma mi domando la nostra preghiera è veramente così? Ci coinvolge veramente, coinvolge il nostro cuore e la nostra vita? Sappiamo bussare al cuore di Dio?”

La risposta di Dio Padre sarà oltre le nostre aspettative:

“L’uomo bussa con la preghiera alla porta di Dio per chiedere una grazia. E lui, che è Padre, mi dà quello e di più: il dono, lo Spirito Santo”.

Dunque, ha concluso Francesco: “impariamo a bussare al cuore di Dio! E impariamo a farlo coraggiosamente.”

 

QUI L’ORIGINALE

Condividi
Commenta
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni