Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 03 Dicembre |
Santa Blanca de Castilla
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Sei cristiano? A Oxford ti è vietato partecipare alla fiera delle matricole!

Balliol

Andrei Nekrassov | Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 12/10/17

Al prestigioso college "Balliol" gli evangelici sono stati etichettati come "danni potenziali". Un brutto episodio di intolleranza. Non basta la parziale retromarcia per rimediare ad una clamorosa gaffe

Il comitato universitario di uno dei più prestigiosi college dell’università di Oxford, il Balliol, ha vietato a una delle sue più grandi organizzazioni studentesche, l’Unione cristiana (Uc), di partecipare all’annuale fiera delle matricole con uno stand.

“Scusante per l’omofobia”

Il motivo, scritto nero su bianco e inviato al rappresentante dell’Unione via email, riguarda proprio la fede cristiana che «procura danno» ed è stata usata storicamente come «una scusante per l’omofobia e certe forme di neocolonialismo». La presenza dell’Uc, dunque, potrebbe «causare un danno potenziale alle matricole»(Tempi,it, 12 ottobre).

L’email è stata visionata dal Telegraph (12 ottobre). Mettere al bando la Uc dalla fiera delle matricole, prosegue il testo, «potrebbe essere un modo per aiutare ad evitare che uno studente possa sentirsi da subito non gradito al Balliol».




Leggi anche:
Cristiani Vittime di Persecuzione ma anche di Ateismo e Laicismo

“Spazio laico”

Il comitato universitario ha sempre inteso la fiera come «uno spazio laico» e la decisione di escludere i cristiani è nata per evitare che, «non potendo garantire uno stand a ogni principale credo religioso», uno studente di una fede non rappresentata «soffra» nel vedere che le altre invece sono rappresentate.

Il “dramma” di molti studenti di colore

Infatti, «molti studenti, soprattutto di colore o di altre fedi [rispetto al cristianesimo] potrebbero già sentirsi alienati e vulnerabili a Oxford, un’università con una pessima reputazione per quanto riguarda razzismo e mancanza di diversità, nonché una città che ha a malapena luoghi di culto appropriati per non cristiani».

Balliol
Jan kranendonk | Shutterstock

“Nel nome della compassione”

Dunque, «nel nome della compassione, speriamo che sarete d’accordo con noi [nel voler evitare] un possibile danno a quelle matricole che sono già così gravemente svantaggiate».

Freddie Potts, vicepresidente della Junior Common Room, l’associazione che riunisce tutti i collegiali in corso per la laurea breve, nonché portavoce della campagna universitaria anti-cristiana, è stato l’artefice di questo guazzabuglio di argomentazioni (Il Foglio, 12 ottobre).




Leggi anche:
5 storie che accendono una speranza tra i cristiani perseguitati

Il “rimedio”

A seguito delle vivaci proteste dell’Università di Oxford stessa, e del reverendo del college, Nigel Genders, responsabile dell’educazione per la chiesa anglicana – che hanno accusato di violazione del free speech e della libertà religiosa – è stata concessa dal comitato studentesco la presenza di uno stand “multiconfessionale”, per dare informazioni sulle diverse presenze religiose universitarie.

IN FUTURO TORNERA’ LO STAND

Uno spazio in cui, però, non sarebbe comunque prevista la presenza degli studenti dell’Unione Cristiana, né la possibilità per loro di distribuire opuscoli informativi. Nelle future fiere delle matricole, come preannunciato da un portavoce del Balliol College, che si è felicitato per la soluzione trovata (sic!), all’associazione cristiana sarà concesso uno spazio, perché “il Balliol è tollerante” (L’Occidentale, 12 ottobre).




Leggi anche:
Santa Sede: in atto una inaudita violenza contro i cristiani nel mondo

Tags:
cristiani evangeliciintolleranzaoxford
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni