Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un generale nazifascista verso gli altari

Cappuccini Lazio
Condividi

Padre Gianfranco Maria Chiti, da soldato della patria a soldato di Gesù

Gianfranco Chiti nacque il 6 maggio 1921 a Gignese e a 15 era già entrato nella scuola militare a Roma. Come segno del suo grande amore per la patria e della sua grande fede fece una promessa alla Madonna chiedendo di passare gli esami, e in cambio avrebbe dedicato le sue vacanze ai poveri. Da allora la Madre del Cielo lo accompagnò per tutta la vita, e ovunque si trovasse voleva sempre un’immagine o una statuetta della Vergine Maria per dedicarle un piccolo altare e poterla pregare.

Dall’ottobre 1941 al maggio 1943 combatté sui fronti croato, greco e russo. Ricordava così quegli anni:

Quando, durante la ritirata, vedevo i corpi dei miei giovani compagni riversi senza vita, mi veniva l’istinto di inginocchiarmi e baciarli, perché morivano per le colpe di altri, perché erano stati strappati alle loro famiglie, portati in territori lontani a morire. Vedevo in loro l’immagine del Redentore, perché la guerra è effetto dei peccati del mondo.

Quando ci incontravamo con gli altri, i nemici, non con le armi in pugno, fra noi non c’era né odio né violenza, ma rispetto, desiderio di aiutarci. Come saremmo ritornati vivi in Italia se non avessimo ottenuto l’aiuto delle donne russe, che ci hanno dato da mangiare quel poco che gli era rimasto, probabilmente perché nei nostri volti vedevano i volti dei loro figli e dei loro mariti che stavano dall’altra parte?

Fu in quei momenti di grande sofferenza, in cui cercò con ogni mezzo di far sopravvivere i soldati di entrambe le parti, che nacque in lui il desiderio insistente di entrare nell’Ordine dei Cappuccini.

L’8 settembre 1943 aderì alla Repubblica Sociale Italiana (RSI), convinto di lavorare per il bene del suo Paese. Per questa scelta, alla fine del conflitto venne internato e giudicato nei campi di concentramento di Coltano e Laterina, ma nel 1946 la commissione istituita per giudicare i militari della RSI lo assolse. Il comandante Chiti aveva sempre agito tenendo fede al giuramento fatto. Molti leader partigiani e civili deposero a suo favore. Padre Flavio Ubodi, vice-postulatore della sua causa di canonizzazione, ha ricordato che grazie al suo grado nella RSI Chiti riuscì a salvare centinaia di persone, impedì delle retate e si oppose alla distruzione di intere località.

Nel 1944 salvò più di 200 partigiani dal fucilamento reclutandoli in un corso speciale che non era mai esistito nella sua compagnia di Granatieri, li “preparò” e poi li fece tornare alle proprie case. Il suo nome figura anche nel “Libro dei Giusti” della Sinagoga di Torino per aver salvato alcune famiglie ebree. Una testimonianza importante su di lui ha affermato che “il tenente Chiti riuscì a salvare il figlio del poeta Giulio Segre prendendolo sotto la propria protezione, ben sapendo che era ebreo e senza curarsi delle difficoltà e delle opposizioni avanzate dai suoi superiori”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.