Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Beato Charles de Foucauld
home iconChiesa
line break icon

Sapevate che la papalina prende il nome da una zucca?

Shutterstock

Zelda Caldwell - pubblicato il 10/10/17

Divertente, vero?

La papalina assomiglia a una zucca, ed è per questo che ha ricevuto il suo nome.

Lo zucchetto, il copricapo indossato dal Papa e da altri membri del clero cattolico, è chiamato così per la sua somiglianza alla parte superiore di una zucca.

L’utilizzo originale dello zucchetto, secondo EWTN, era eminentemente pratico, derivando dal copricapo noto come pileolo, che doveva tenere calda la testa dei chierici nei freddi monasteri e nelle chiese di pietra del Medioevo. Quando gli esploratori spagnoli del XVI secolo portarono le zucche in Europa dal Messico, loro luogo di origine, il soprannome divenne inevitabile.

Papa Paolo VI ha reso lo zucchetto obbligatorio per i membri della gerarchia ecclesiale nel 1968, ma tutti gli altri chierici possono indossarne uno. Il colore dipende dal rango:

Bianco: Papa
Viola: cardinali
Rosso amaranto: patriarchi, arcivescovi e vescovi
Nero: clero di livello inferiore

Lo zucchetto viene indossato e rimosso in momenti diversi in base ad alcune circostanze.

Quando si indossa lo zucchetto lo si indossa all’esterno, all’interno e, se si è un vescovo, durante la liturgia. Altri chierici dovrebbero lasciarlo in sagrestia. Nella liturgia, se il presule non sta celebrando viene rimosso brevemente quando ci si inchina davanti all’altare. Viene rimosso al Santo e indossato nuovamente prima del Padre Nostro, durante il quale si indossa.

Noonan nota che alcuni presuli hanno iniziato a toglierlo durante il Vangelo e il Padre Nostro, ma questo va contro il costume consolidato e la legge. Lo zucchetto viene rimosso alla presenza del Santissimo Sacramento esposto, nella processione del Santissimo Sacramento e durante la venerazione di una reliquia della Vera Croce, o durante la benedizione con questa. Viene anche rimosso alla presenza del Santo Padre, tranne durante la liturgia, quando viene indossato come si è detto in precedenza.

Viene anche rimosso brevemente in segno di reverenza quando si parla al Santo Padre o ci si rivolge a lui in un atto liturgico o in un discorso pubblico al quale è presente.

E parlando di cose divertenti…

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
papa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni