Aleteia

Cora Evans, la casalinga e mistica californiana sulla via della santità

Condividi
Commenta

Era nota per la bilocazione e le figlie hanno testimoniato molti dei suoi doni spirituali

Nata nel 1904 nello Utah (Stati Uniti), Cora Evans viveva in una famiglia mormone, ma fin da molto presto fu chiaro che Dio aveva un progetto speciale per lei.

Ad appena 3 anni Cora sperimentò una visione mistica della Beata Vergine Maria, anche se all’epoca ovviamente non la comprese completamente. Nell’infanzia visse secondo la religione mormone, e alla fine si sposò nello Utah Temple.

Poco dopo il suo matrimonio, Cora iniziò a nutrire dei dubbi sulla fede mormone e intraprese una lunga via di ricerca, ma senza riuscire a trovare la religione alla quale aspirava il suo cuore.

Poi, nel 1934, mentre era a letto ammalata, sentì un programma radiofonico intitolato Catholic Hour, e subito dopo contattò un sacerdote cattolico locale. Si incontrarono varie volte, e presto Cora si convinse del fatto che Dio la stava chiamando a diventare cattolica. Un anno dopo lei, il marito e le due figlie si convertirono al cattolicesimo.

Nel 1938 le sue esperienze mistiche ricominciarono, e Cora decise di dedicare il resto della sua vita a Dio.

“Era necessario che vivessi la vocazione che avevo scelto con Lui come mio compagno”, ha scritto. “Offrendo a Gesù la mia umanità perché la governasse e vi dimorasse, la mia vita sarebbe diventata una preghiera vivente, perché Lui era la vita, la vita che viveva in me, e il mio corpo era la Sua croce vivente, la Sua croce da portare al Calvario – il Calvario, la porta della vita eterna”.

Dopo essersi convertiti alla fede cattolica, Cora e la sua famiglia vennero perseguitati dalla comunità mormone locale, e per il marito fu impossibile mantenere il proprio lavoro. Decisero allora di trasferirsi in California.

 

Una volta lì, Cora continuò ad avere visioni celesti di santi e cercò un direttore spirituale che la aiutasse a far luce sulla sua situazione. Un sacerdote gesuita, padre Frank Parrish, acconsentì e la guidò nelle sue esperienze mistiche.

Secondo il sito web della sua canonizzazione, Cora scoprì la missione che Dio aveva in mente per lei: “l’umanità mistica di Cristo, un modo di pregare che incoraggia le persone a vivere con una maggiore consapevolezza della presenza di Gesù nella loro vita. È spiritualità eucaristica, e Gesù ha promesso di promuovere questa devozione”.

Cora scrisse su questa spiritualità e sulle sue esperienze mistiche in un diario. Era un arduo compito, visto che non era molto istruita e per lei la fede cattolica era ancora relativamente nuova.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni