Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

Vi piace il caffè? Ringraziate Papa Clemente VIII!

Condividi

Il caffè era considerato “la bevanda del diavolo” finché il Pontefice non lo “battezzò” nel XVI secolo

Il caffè è senza dubbio une delle bevande più popolari del mondo, ma non è sempre stato così. La popolarità del caffè nell’emisfero occidentale è infatti ampiamente dovuta a Papa Clemente VIII ed è relativamente recente, risalendo al XVI secolo.

L’infuso era in circolazione già dal IX secolo, quando, come spiega Sam Guzman in una nota per The Catholic Gentleman, “i pastori islamici notarono per la prima volta che i chicchi di caffè avevano un effetto particolarmente stimolante sulle loro pecore. In seguito i chierici islamici impararono come coltivare la pianta, e il caffè si diffuse rapidamente nel mondo musulmano”.

Al Papa venne potata una tazza di caffè caldo. Quando lo sorseggiò, dice la leggenda, disse: “Questa bevanda del diavolo è deliziosa. Dovremmo imbrogliare il diavolo battezzandola”.

Quando il caffè arrivò in Europa non venne accolto a braccia aperte, per via delle sue origini diciamo “infedeli”. Ricordiamo che i cristiani all’epoca erano in guerra con i musulmani da secoli, in Spagna, nel Mediterraneo e in Terra Santa, e quindi non stupisce che alcuni europei devoti non esitassero a soprannominare il caffè “la bevanda di Satana”.

Poiché “tutte le strade portano a Roma”, il caffè arrivò anche in Vaticano, nella fattispecie tra le mani di Papa Clemente VIII. Molti dei suoi consiglieri gli chiesero esplicitamente di bandirlo, ma il Pontefice aveva le proprie idee al riguardo.

Al Papa, ha ricordato Guzman, “venne portata una tazza fumante di caffè e ne bevve un sorso”. Stando a quanto racconta la leggenda, Clemente VIII avrebbe quindi detto: “Questa bevanda del diavolo è deliziosa. Dovremmo imbrogliare il diavolo battezzandola”.

La prossima volta che vi berrete una bella tazza di caffè o vi godrete un bel caffè freddo, alzate la tazza e ringraziate Dio per Papa Clemente VIII.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.