Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 01 Dicembre |
San Charles de Foucauld
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Non andrò mai in pensione… dalla vita

web3-old-woman-exercise-yoga-park-outdoors-shutterstock_604654190-photographee-eu-ai

Photographee.eu

Orfa Astorga - pubblicato il 07/10/17

La fine di una vita non si inventa, si scopre

Una testimonianza di vita sulla gioventù di spirito, guardando sempre avanti.

A 65 anni non ho più bisogno di tingermi i capelli, per la semplice ragione che non ne ho e non me ne importa. Sono anche diventato sempre più consapevole dei miei limiti fisici, perché tra il “mi fa male qui e mi fa male lì” mi manca l’entusiasmo per impermeabilizzare il tetto di casa, correre in strada e vincere la macchina velocissima che può abbreviare la mia esistenza.

Stando così le cose, mi propongo di accettare con serenità il lento declino della vita, non smettendo per questo di essere felice.

Visto che so molto bene che non può essere felice chi non fa le cose in cui crede, allora dico a me stesso: “Avanti, non arrenderti, puoi farcela! Su questo piano non ci sono limiti, continua ad andare incontro agli altri!”

Non l’ho sempre pensata così, perché da giovane ero come un’automobile il cui motore e tutti gli altri sistemi funzionavano molto bene, ma senza andare da nessuna parte, visto che mi crogiolavo solo in quanto funzionassi bene, saldo nel mio egoismo. Avevo un misero concetto della mia libertà.

Mi sono sposato, sono arrivati i figli e l’amore ha fatto sì che quella macchina si muovesse. È stato allora che mi sono reso conto che la mia dignità derivava dal fatto di essere libero, e che dalla qualità delle mie scelte dipendeva l’essere felice e il rendere felici gli altri.

Ed è così che mi sono proposto di educare i miei figli.

L’ordine “Dio, famiglia e lavoro” mi ha aiutato a insegnare loro che un’autorealizzazione svincolata dall’amore per gli altri porta solo le persone a chiudersi in sé, e questa è una formula infallibile per essere infelici.

Tutti i valori umani realizzati sono solo parti che formano un tutt’uno, che a sua volta punta verso un fine ultimo della vita, anche se la trascende. Un fine che non si inventa, ma si scopre camminando nella sua direzione.

Per questo, non posso né voglio andare in pensione dalla vita.

Per questa ragione rifiuto una vita di comodità permissiva o di evasione. Rifiuto di ammazzare il tempo in qualsiasi modo, e anziché fare questo mi muoverò e cercherò situazioni che mi permetano non solo di relazionarmi, ma anche di agire.

Rifletto su questo mentre al mattino rinnovo la mia riconoscenza per il fatto di vivere un altro giorno e riuscire a far sì che l’ordinario diventi straordinario il resto della giornata, scoprendo il nuovo nel “vecchio”.

Il nuovo:

Nel lavoro: Ogni lavoro ha la stessa dignità perché lo svolge la persona. Prima quando lavavo i piatti lo facevo con una certa negliglenza, ora mi impegno a farlo nel miglior modo possibile, unendo all’impegno un atto d’amore che amplia la mia libertà.

In famiglia: Non andrò mai in pensione come marito, padre o nonno. Continuerò a partecipare all’educazione di tutta la famiglia, non con discorsi, lezioni, consigli o libri, ma testimoniando un buon modo di vivere, con una cultura autentica e un carattere formativo. Ha detto bene Socrate che la virtù non si può insegnare in modo teorico ma solo acquisire vivendola, ed è in famiglia che esiste un modo di impararla che si può trovare solo lì. Nulla mi limita in questo.

Con gli amici: In questa tappa, nei miei vecchi amici non esiste altro interesse che procedere insieme lungo un cammino di semplice confidenza, spianata dal rispetto e dall’affetto. Alcuni tornano, rettificando il cammino e cercando l’incontro, perché soffrono di solitudine, e sono loro che cerco di più. Ci riscopriamo e reincontriamo nei nostri valori, nelle nostre idee, nelle nostre inquietudini, nelle preoccupazioni, tra tanta diversità di circostanze nella nostra vita. Vecchi e allo stesso tempo nuovi amici per imparare e insegnare la volontà di dar senso alla vita.

Vita sociale: Quante iniziative di servizio agli altri hanno bisogno del nostro tempo e della nostra generosità! Ad esempio, le visite negli ospizi per offrire calore e compagnia, negli ospedali con poche risorse o nelle case in cui si assistono i parenti dei malati giunti da lontano. E molte nuove realtà in cui allenare la mia libertà per “smettere di essere” nella misura in cui continuo a scoprire valori veri e mi impegno in essi.

Negli anni che mi restano continuerò ad applicare la mia volontà di dare questo senso alla mia vita. Un senso che non si inventa, ma si scopre.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
anzianivita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni