Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

“Abusare dei bambini è per i cristiani non solo un crimine, ma anche un sacrilegio”

CARDINAL PAROLIN
Alessia GIULIANI/CPP/CIRIC
11 octobre 2014 : Le Cardinal Pietro PAROLIN, Secrétaire d'Etat du Vatican, prend possession du titre des Saint.Simon et Jude Thaddée à Torre Angela, Rome, Italie.

October 11, 2014: Cardinal Pietro PAROLIN, Secretary of State, during the taking possession of the Title dei Santi Simone e Giuda Taddeo a Torre Angela, Rome, Italie.
Condividi
Commenta

Il discorso del Cardinal Pietro Parolin durante il Congresso sulla pedofilia online che si è tenuto in Gregoriana ieri

La maggioranza di voi, che lavora da lungo tempo in questo campo, è ben consapevole che gli abusi sessuali nei confronti di minori costituiscono un fenomeno immensamente vasto e diffuso. In questi ultimi decenni, tale drammatica realtà è venuta prepotentemente alla ribalta nella Chiesa cattolica e sono emersi fatti molto gravi. Si è andati progressivamente prendendo coscienza dei danni subiti dalle vittime, della loro sofferenza e della necessità di ascoltarle per poi operare in molte direzioni diverse, con una vasta gamma di interventi che vanno messi in atto per sanare le ferite, ristabilire la giustizia, prevenire i delitti, formare gli educatori e le persone che trattano con i minori, nella prospettiva di diffondere e consolidare una nuova cultura della protezione dei minori — un vero safeguarding — che garantisca efficacemente la loro crescita in ambienti sani e sicuri.

È questo un impegno che richiede profonda attenzione umana, competenza e costanza, ma l’esperienza ci dice che là dove c’è uno sforzo coerente e continuo, i frutti che ne risultano sono positivi e incoraggianti. Ciò avviene già fortunatamente, per quanto riguarda la Chiesa, in diverse istituzioni e regioni, anche quando la società in generale non ha ancora sviluppato la dovuta sensibilità. È uno sforzo, tuttavia, che deve continuare, allargarsi e approfondirsi, con chiarezza e fermezza, perché la dignità e i diritti dei minori siano protetti e difesi con molta più attenzione ed efficacia di quanto non si sia fatto nel passato.

Il mondo in cui oggi nascono e crescono le persone umane è caratterizzato in modo sempre più profondo e pervasivo dallo sviluppo e dall’onnipresenza delle nuove tecnologie di comunicazione e dei loro strumenti di uso, dei loro “terminali” e handhelds che sono entrati a far parte della realtà e della vita quotidiana di un numero sempre più largo di persone, di età sempre più giovane, cosicché giustamente oggi parliamo delle nuove generazioni come “nativi digitali”. E questa situazione si diffonde ormai in ogni parte del mondo, raggiungendo anche le aree dove lo sviluppo economico e sociale è ancora insufficiente e squilibrato. Il fenomeno è ormai globale e perciò parliamo di “mondo digitale”. Ora, ci rendiamo conto con sempre maggiore evidenza che la piaga delle offese alla dignità dei minori, come molti altri problemi drammatici del mondo odierno, transita e alligna continuamente nelle nuove dimensioni del mondo digitale, si aggira e si installa nei suoi meandri e nei suoi strati nascosti e profondi. Il mondo digitale non è un’area separata del mondo: è una dimensione del nostro unico mondo reale e i minori che crescono in esso sono esposti a nuovi rischi, oppure a rischi antichi ma che si esprimono in modi nuovi, e la cultura della protezione dei minori che noi vogliamo diffondere deve essere all’altezza dei problemi di oggi.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni