Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Incinta? Evita i prodotti di bellezza con questi ingredienti

DONOT6_STUDIO / Shutterstock
Condividi

È ora di fare attenzione a quello che dicono le etichette per non mettere a rischio la salute del bambino

Parabeni

Sono dei conservanti molto comuni, che si trovano soprattutto in fondotinta, shampoo, creme per il corpo, protezioni solari, gel per la rasatura e prodotti per la pulizia del viso. La preoccupazione più grande degli esperti è che possano imitare l’estrogeno naturale, che può sia provocare disturbi nel sistema riproduttivo che aumentare la possibilità di tumori al seno estrogeno-positivi (anche se sono ancora in corso ricerche su questa seconda possibilità). Nel caso dei prodotti per bambini, inoltre, l’Unione Europea ha proibito i parabeni perché alcune ricerche indicano che alterano il funzionamento del sistema endocrino, provocando squilibri ormonali, e quindi è meglio non rischiare e cercare un’opzione che non ne contenga, sia per il bene del bambino che per quello della mamma.

Gpointstudio / Shutterstock

Ftalati

Questi diluenti sono proibiti in qualsiasi gioco o articolo per bambini perché possono provocare asma e aumentare il rischio di obesità infantile. Nel caso delle donne incinte, inoltre, ci sono studi che segnalano che possono aumentare le possibilità di avere un parto prematuro. E sapete dove sono presenti spesso? Negli smalti per le unghie, nelle lacche e nei deodoranti spray. Leggete sempre gli ingredienti!

Africa Studio / Shutterstock

Alluminio

È stata realizzata una campagna contro il suo utilizzo, soprattutto nei deodoranti. In questo caso, la restrizione non si applica solo alle donne incinte ma a tutte, visto che ci sono ricerche che lo collegano al tumore al seno.

Evgenyrychko / Shutterstock

Butilidrossianisolo (BHA) e Butilidrossitoluene (BHT)

Sono conservanti che si usano principalmente in ombretti, rossetti, fard, creme idratanti e ciprie compatte. Ci sono studi che affermano che possono agire come interruttori ormonali e provocare problemi nello sviluppo, e i bambini e le donne incinte sono le persone più vulnerabili.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni