Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Questo breve esercizio vi aiuterà a diventare più misericordiosi

Mosuno / Stocksy United
Condividi

Tutto ciò di cui avete bisogno è una vostra fotografia da bambini (o una buona memoria)!

Per l’Anno Giubilare iniziato l’8 dicembre 2015 e durato fino allo scorso anno, siamo stati invitati da Papa Francesco ad avvicinarci maggiormente al grande dono della misericordia di Dio e a mettere in pratica opere di misericordia.

Si spera che l’Anno Giubilare ci abbia cambiati e che portiamo ancora avanti quello spirito. Per farlo, dobbiamo mettere in pratica la misericordia nei confronti di noi stessi. Dopo tutto, è più probabile che si perdonino gli altri se siamo in grado di perdonare noi stessi. È più probabile essere gentili con gli altri se siamo gentili con noi stessi. E allora come possiamo mostrare a noi stessi misericordia quando spesso abbiamo dei problemi a perdonarci?

Ecco un esercizio che potete fare oggi stesso, anzi, proprio ora. Fa coltivare la misericordia nei propri confronti, di modo da poterla esprimere poi agli altri. È una cosa che facevo regolarmente quando insegnavo Inglese al primo anno di liceo, e più di recente l’ho insegnata nelle mie lezioni di Formazione nella Fede per Adulti.

Trovate una fotografia di quando eravate piccoli (se non ne avete una immaginatevi semplicemente da bambini) e studiatela. Guardate le vostre guance, gli occhi, le mani. Notate quanto eravate adorabili, quanto eravate piccoli. Ora immaginate di essere messi in un cesto con un biglietto sopra che diceva: “Per favore, prendetevi cura di questo/a bambino/a”.

Poi immaginatevi come siete ora, da adulti. Immaginate di aprire la porta della casa in cui abitate ora e di trovare il cesto con dentro lo/a stesso/a bambino/a. Esatto: aprite la porta a voi stessi da bambini. Il bambino piange e trema. Cosa fareste?

Immaginate di prendere il bambino dal cesto e di avvicinarlo a voi, sussurrandogli delle paroline per consolarlo. Potreste dargli da mangiare, poi baciare quelle guancine morbide e accarezzargli la testolina. Potreste cantare finché il corpicino si rilassa e gli occhi si chiudono. Fareste tutto questo per quel bambino. Ma quel bambino siete voi.

Mettete la foto di quando eravate piccoli in un punto ben in vista di casa vostra nelle prossime settimane, un punto in cui la vedrete ogni giorno. Potreste metterla sul comodino, di modo da vederla non appena vi svegliate, o in bagno, e guardarla mentre preparate il vostro viso più adulto ma sempre prezioso per la giornata. Potreste tenerla in macchina, o nel portafogli, per sorprendervi quando la tirate fuori per qualche acquisto.

Chiedetevi (e annotate le vostre risposte): Cosa voglio per questo bambino? Quali sono le mie speranze e i miei sogni per lui/lei? Che tipo di persona prego che diventi? C’è qualcosa che quel faccino amorevole potrebbe fare che possa farmi smettere di amarlo? E il vostro volto, diventato ormai adulto? In qualche punto è stanco, ma gli occhi brillano sempre. Cosa pensate che veda Dio quando vi guarda? E voi, cosa vedete?

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.