Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I sette peccati capitali di Internet

Satana come raffigurato nel nono girone dell'Inferno di Dante, illustrato da Gustave Doré.
Condividi
In una conferenza del 2011, trascritta dal The Wall Street Journal e ripubblicata di recente da The Atlantic, uno dei fondatori di LinkedIn, Reid Hoffman, ha suggerito una teoria che spiegherebbe il successo o il fallimento dei social network: ciascuno è collegato in più modi a uno dei sette vizi capitali. Non è un’idea tanto peregrina: Facebook è la vanità, Netflix l’accidia e Tinder è ovviamente la lussuria.

La domanda che si è posto Hoffman è semplice: perché i social networks, che sono di fatto di successo, hanno così poco (o nulla) a che vedere con le buone cause o con i bisogni reali?

Leggi anche: Conosci i vizi capitali e le virtù contrarie per superarli?

A suo avviso, il motivo è che queste cause e questi bisogni non sono abbastanza “peccaminosi”. Robinson Meyer, di The Atlantic, ha descritto le possibili relazioni tra i social network più popolari e i sette vizi capitali.

icon-cesar-ojeda-cc
La domanda che si è posto Hoffman è semplice: perché i social networks, che sono di fatto di successo, hanno così poco (o nulla) a che vedere con le buone cause o con i bisogni reali? A suo avviso, il motivo è che queste cause e questi bisogni non sono abbastanza “peccaminosi”.

Lussuria: Secondo l’Inferno di Dante, le anime lussuriose rimangono intrappolate per sempre in un uragano che non dà loro tregua. Gli utenti di Tinder potrebbero vivere un’esperienza simile: quella di far scivolare il dito a destra nell’applicazione senza mai trovare qualcuno con cui iniziare un rapporto serio.

Gola: Instagram è per i golosi. Il personaggio mitologico di Tantalo venne punito nel Tartaro, di modo che ogni volta che cercava di mangiare o di bere la frutta o l’acqua si allontanava da lui. Allo stesso modo, quando esploriamo Instagram ci addentriamo in un fiume di immagini condivise da buongustai che che mostrano cibi che non possiamo mangiare – almeno non sullo schermo.

Avarizia: Dante spiega che le anime degli avari sono condannate a lottare tra loro per sempre all’inferno, gettando pesi incommensurabilmente gravosi gli uni sugli altri. Secondo Meyer, è simile alla competizione professionale che si constata su LinkedIn.

Accidia: anche se non è un social network, Netflix è uno dei modi preferiti per perdere tempo al giorno d’oggi – anche se lo chiamiamo “procrastinare” anziché “pigrizia”.

Nel quinto girone infernale Dante, gli iracondi sono condannati ad attaccarsi a vicenda continuamente, senza che no di loro riesca a prevalere sugli altri. Non è un'esatta descrizione delle nostre argomentazioni su Twitter?

Ira: nel quinto girone infernale Dante, gli iracondi sono condannati ad attaccarsi a vicenda continuamente, senza che no di loro riesca a prevalere sugli altri. Non è un’esatta descrizione delle nostre argomentazioni su Twitter?

Invidia: fondamentalmente, l’invidia ci fa sentire così desiderosi di ciò che non abbiamo che finiamo per non apprezzare ciò che possediamo davvero. Ecco Pinterest.

Orgoglio: ci sono varie opinioni sull’orgoglio, il peggiore di tutti i peccati, che consiste in sostanza nel credere di essere migliori del prossimo. Hoffman dichiara che l’orgoglio corrisponde a Facebook. Secondo Meyer, però, è Medium (o una delle altre piattaforme di blogging) che potrebbe incarnare l’orgoglio. È un modo per dire: “So come dire ciò che pensi di sapere, e come dirlo meglio, quindi vai avanti e condividi il mio articolo”.

Ma se Facebook non è l’orgoglio allora cosa lo è? La vanità o la vanagloria è l’illimitata e infondata fiducia nella propria capacità di attrazione, e un incontrollabile desiderio di lodarla. Secondo Meyer, è questo che attira le persone a Facebook: la capacità di offrire on-line la miglior versione possibile della propria vita, maneggiandone attentamente gli alti e bassi.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.