Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

“Arriveranno tre giorni di buio sulla Terra”. Ecco perché la profezia non è vera

SOLAR ECLIPSE
Condividi

Dalle Sacre Scritture alla beata Taigi, da Gaspare del Bufalo a Santa Faustina. In tanti l'avrebbero preannunciata. Ma si tratta di scritti non originali o di interpretazioni (assolutamente) forzate.

La profezia dei “tre giorni di buio” è stata divulgata da secoli, da presunti santi e beati molto conosciuti quanto, purtroppo, da presunti mistici legati al New-age e al paranormale, o perfino attribuita a chi non l’ha mai annunciata, come per esempio Padre Pio.

L’origine della profezia viene attribuita alla beata senese Anna Maria Taigi, una splendida figura di sposa e di madre cristiana morta a Roma nel 1837 (Indagine ai confini del sacro, Tv 2000, gennaio 2015).

Dopo di lei, sarebbero stati anche San Gaspare del Bufalo, santa Faustina Kowalska, le beate Maria di Gesù Crocifisso, Elisabetta Canori Mora, Elena Aiello e la mistica Teresa Musco ad aver parlato di questa profezia nelle loro memorie.

Eppure conferme ufficiali non ce ne sono. La profezia è stata riportata da autori che hanno scritto testi su questi santi, ma non c’è traccia di questo messaggio apocalittico (o quasi) nei testi originali (Aleteia, gennaio 2015).

Allora vediamo come è stata confezionata questa “bufala” che tutt’oggi imperversa sul web, disorientando credenti e non.

“L’ARIA INFESTATA DA DEMONI…”

Anna Maria Taigi, beatificata nel 1920 da Papa Benedetto XV, fu una donna dotata da Dio di straordinari carismi, tra i quali spicca quello della profezia. Dopo un’infanzia difficile, si sposò nel 1789 ed ebbe 7 figli, di cui solo 4 sopravvissero. La conversione arrivò poco più tardi del suo matrimonio, e Dio le fece dono di un sole con all’interno una corona di spine, che la accompagnò per 47 anni.

Ecco, di seguito, la sua presunta profezia sui tre giorni di buio:

“Dio manderà due castighi: uno sarà sotto forma di guerre, rivoluzioni e altri mali; avrà origine sulla terra. L’altro sarà mandato dal Cielo. Verrà sopra la terra l’oscurità immensa che durerà tre giorni e tre notti. Nulla sarà visibile e l’aria sarà nociva e pestilenziale e recherà danno, sebbene non esclusivamente ai nemici della Religione”.

“Durante questi tre giorni la luce artificiale sarà impossibile; arderanno soltanto le candele benedette. Durante tali giorni di sgomento, i fedeli dovranno rimanere nelle loro case a recitare il Rosario e a chiedere Misericordia a Dio. Tutti i nemici della chiesa (visibili e sconosciuti) periranno sulla Terra durante questa oscurità universale, eccettuati soltanto quei pochi che si convertiranno”.

“L’aria sarà infestata da demoni che appariranno sotto ogni specie di orribili forme. Dopo i tre giorni di buio, San Pietro e San Paolo […] designeranno un nuovo papa. Allora il Cristianesimo si diffonderà in tutto il mondo”.

“IL MONDO COPERTO DI CADAVERI…”

San Gaspare del Bufalo (1786 – 1837), fondatore della congregazione dei Missionari del Preziosissimo Sangue e canonizzato da Pio XII nel 1954, si sarebbe espresso così:

La morte degli impenitenti persecutori della Chiesa avverrà durante i tre giorni di buio. Colui che sopravviverà ai tre giorni di tenebra e di pianto, apparirà a se stesso come l’unico sopravvivente sulla terra, perché di fatto il mondo sarà coperto di cadaveri“.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni