Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

Com’è morto davvero Giovanni Paolo I?

Condividi

Se è morto di morte naturale perché tanto morbosità?

39 anni fa Papa Giovanni Paolo I, già Patriarca di Venezia, il cardinale Albino Luciani, è morto di morte naturale. Oggi lo si può dire. La notizia commosse il mondo. Dopo soli 33 giorni dalla sua elezione a Pontefice, la sua semplicità, il suo sorriso e la sua cordialità avevano già superato tutte le frontiere. Era “il Papa del sorriso”. Aveva 65 anni, non era anziano. È morto il 28 settembre 1978.

Il cardinale Segretario di Stato, Pietro Parolin, in un atto celebrato a Venezia il 28 agosto collegato a Papa Luciani ha dichiarato che si spera che Giovanni Paolo I sia beatificato presto. “Credo che ci sia già qualche cosa. Se il miracolo verrà approvato si procederà in tempi brevi”. Il prossimo anno si compiranno 40 anni dal suo breve pontificato.

Il Papa morì nella sua camera da letto. Aveva dei fogli in mano e la luce accesa. La nota ufficiale del Vaticano disse che era morto per “infarto acuto al miocardio” e che venne trovato dal suo segretario, l’irlandese padre John Magee.

In realtà fu suor Vincenza, che lo assisteva dai tempi di Venezia, a trovare Papa Luciani senza vita alle 5.30. Come ogni mattina, la religiosa gli lasciava una tazzina di caffè fuori dalla sua stanza da letto, e quando tornò per riprenderla vide che il Papa non aveva bevuto. Bussò alla porta e nessuno risposte. Aprì la porta e trovò il Papa reclinato sul letto con i fogli in mano, morto.

La religiosa chiamò rapidamente il segretario papale, padre Magee, che constatò il decesso del Pontefice. Chiamò quindi il cardinale francese Jean Villot, Segretario di Stato, e questi a sua volta chiamò il medico di guardia, Renato Buzzonetti, perché il titolare era in vacanza. Il dottor Buzzonetti certificò l’infarto acuto al miocardio.

La notizia si diffuse come un lampo. “Il Papa del sorriso è morto”, era il titolo che appariva ovunque. La notizia sembrava incredibile. I cardinali erano da poco tornati alle rispettive sedi episcopali dopo il Conclave dopo un mese di assenza e già dovevano tornare a Roma per assistere a un altro Conclave, quello che da cui poi sarebbe stato eletto Karol Wojtyła, il futuro San Giovanni Paolo II.

Una fonte molto vicina commentò che Papa Luciani era sopraffatto dalle tante carte e dai documenti che doveva leggere e scrivere, soprattutto leggere. Era a tal punto così che una volta, di fronte a una montagna di carte, gli venne chiesto cosa lo preoccupasse e se voleva una macchina da scrivere (all’epoca i computer non erano sul mercato) e il Papa rispose: “Quello di cui avrei bisogno è una macchina da leggere!”. E infatti morì con i fogli in mano.

Il cardinale Albino Luciani venne eletto Papa nel secondo giorno del Conclave, il 26 agosto 1978. Tranne due cardinali polacchi, Stefan Wyszyński di Varsavia e Primate di Polonia e Karol Wojtyła di Cracovia, nessuno si rese conto che proprio il 26 agosto è la grande festa della Madonna Nera di Jasna Góra, la Madonna di Częstochowa, alla quale sono tanto devoti i polacchi, Wojtyła in particolare.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni