Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 09 Febbraio |
Beata Giuseppina Bakhita
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

I 9 cori angelici e il ruolo dato loro da Dio

web3-archangels-9-choirs-public-domain

Philip Kosloski - pubblicato il 28/09/17

Ogni angelo è creato per un obiettivo specifico nel cosmo

Gli angeli sono esseri spirituali creati da Dio, naturalmente invisibili all’occhio umano ma che sono intorno a noi e mettono costantemente in pratica i compiti che Dio ha affidato loro.

Tradizionalmente gli angeli vengono classificati in quelli che vengono definiti nove “cori” o “schiere“. Questa divisione si basa su nove nomi di angeli che si rinvengono nelle Sacre Scritture.

San Paolo scrive di loro nelle sue lettere:

Illumini gli occhi del vostro cuore per farvi comprendere a quale speranza vi ha chiamati, quale tesoro di gloria racchiude la sua eredità fra i santi… Egli la manifestò in Cristo, quando lo risuscitò dai morti e lo fece sedere alla sua destra nei cieli, al di sopra di ogni Principato e Potenza, al di sopra di ogni Forza e Dominazione e di ogni nome che viene nominato non solo nel tempo presente ma anche in quello futuro (Efesini 1, 18, 20-21). Perché in lui furono create tutte le cose nei cieli e sulla terra, quelle visibili e quelle invisibili: Troni, Dominazioni, Principati e Potenze. Tutte le cose sono state create per mezzo di lui e in vista di lui (Colossesi 1, 16).

L’Antico Testamento aggiunge in molti passi i cherubini e i serafini, e gli arcangeli vengono nominati sia nel Nuovo Testamento (Gabriele, Michele) che nell’Antico (Raffaele e Michele).

San Gregorio Magno inserisce tutti i “cori” in un’unica lista in una delle sue omelie: “Sappiamo sulla base dell’autorità della Scrittura che ci sono nove ordini di angeli, ovvero angeli, arcangeli, virtù, potestà, principati, dominazioni, troni, cherubini e serafini”.

Si crede che ciascuno di questi cori abbia ricevuto da Dio un compito speciale. Il teologo e filosofo Peter Kreeft offre un bel riassunto di questi cori e dei loro ruoli nel suo libro Angels and Demons:

I primi tre livelli vedono e adorano Dio direttamente: I serafini, il coro più elevato, comprendono Dio con la massima chiarezza, e quindi il loro amore è il più ardente (“Serafino” significa “colui che arde”). Lucifero (“Portatore di luce”) era uno di loro. È per questo che è ancora molto potente e pericoloso. Anche i cherubini contemplano Dio, ma meno in Sé che nella sua Provvidenza (“Cherubino” significa “pienezza di saggezza”). I troni contemplano il potere e i giudizi di Dio (i troni simboleggiano il potere giudiziale, giuridico). I successivi tre cori realizzano i progetti provvidenziali di Dio per l’universo: Le dominazioni o “domini” (“autorità”) comandano gli angeli inferiori posti sotto di loro. Le virtù ricevono gli ordini dalle dominazioni e “gestiscono” l’universo, per così dire, soprattutto i corpi celesti (per “virtù” si intende potere, forza, o energia). Le potestà servono le virtù lottando contro le influenze maligne che si oppongono al progetto provvidenziale delle virtù. Gli ultimi tre cori ordinano direttamente le questioni umane: I principati si prendono cura dei principati terreni, ovvero città, Nazioni e regni. Gli arcangeli (come Gabriele) portano agli uomini gli importanti messaggi di Dio. Gli angeli ordinari sono gli “angeli custodi”, uno per ogni individuo.

Questo ordine tradizionale degli angeli è una convinzione cattolica accettata, anche se non fa parte dei dogmi ufficiali della Chiesa. San Tommaso d’Aquino è un altro teologo della Chiesa che ha trovato questi cori diversi di angeli nel corso della Scrittura e ha cercato un modo coerente di organizzarli. L’Aquinate dedica un’intera questione nella sua Summa Theologiae a questo concetto, e il riassunto di Kreeft che abbiamo riportato deriva parzialmente da questo.

L’aspetto interessante è che in base a questa organizzazione solo gli arcangeli e gli angeli (ordinari) hanno un rapporto diretto con gli umani. Le tante moltitudini degli altri cori angelici o sono con Dio o governano il mondo in modo invisibile. Un’eccezione è San Francesco d’Assisi, che ricevette le stigmate, o ferite di Cristo, da un serafino. Per questo motivo è noto tra i francescani come “padre serafico”.

Che festa sarà per i nostri occhi quando, come Cristo ha detto a Natanaele, vedremo “il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell’uomo”!

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
angeligerarchia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.