Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Due gemelle siamesi abbandonate raccontano la loro speranza

CONJOINED TWINS TANZANIA
Condividi

In Tanzania due gemelle siamesi sono entrate all’università. È un primato per quel Paese

Maria e Consolata, 20 anni, hanno fatto la settimana scorsa il loro ingresso all’università cattolica Rucha d’Iringa, nel cuore della Tanzania, un mese prima dei loro compagni. Iscritte a Scienze dell’educazione, sperano di diventare professoresse di storia, di inglese e di swahili.

Abbandonate dalla madre dopo la morte del padre, poi accolte da una missione cattolica, le due gemelle, unite al livello dell’addome, sono ferventi cristiane e non esitano a farlo sapere:

Non vedevamo l’ora di vivere questo giorno! È per la grazia di Dio che ci siamo arrivate, e grazie alla preghiera degli amici,

ha confidato piena di emozione Consolata a una televisione locale.

Divenute delle celebrità in Tanzania, quando hanno conseguito il loro diploma di maturità, le due gemelle intendono difendere i bambini handicappati o marginalizzati, che in questo Paese dell’Africa orientale vengono spesso abbandonati. Appena a giugno Maria dichiarava sulle reti nazionali TBC:

I genitori che nascondono o rinchiudono i loro bambini handicappati dovranno rendere conto a Dio.

La giovane donna rivendicava contestualmente:

Gli esseri umani, handicappati o no, sono uguali e hanno i medesimi diritti.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni