Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 12 Aprile |
Santa Teresa de los Andes
home iconSpiritualità
line break icon

Cosa ci fa un delfino sepolto in un cimitero di monaci medievali?

Shutterstock

Zelda Caldwell - pubblicato il 26/09/17

Un gruppo di archeologi ha compiuto questa strana scoperta

A Chapelle Dom Hue, una delle isole del Canale della Manica, gli archeologi hanno compiuto una scoperta sorprendente. In una sepoltura scavata con cura hanno trovato i resti di una focena, un cetaceo simile al delfino.

Nel XIV secolo l’isola è stata sede di un ritiro di monaci, il che ha portato gli archeologi a dire che forse c’era qualche significato religioso per questa sepoltura.

Philip de Jersey, un archeologo della vicina isola di Guernsey, ha detto al quotidiano The Guardian che “il delfino ha un forte significato nel cristianesimo, ma mai prima d’ora mi ero imbattuto in una cosa del genere”.

Secondo quanto ha indicato Philip Kosloski su Aleteia qualche tempo fa, le catacombe di Roma sono piene di simboli di delfini.

“La maggior parte dei delfini è rappresentata intrecciata a un’ancora o a un tridente, come nelle catacombe di Villa Torlonia a Roma, a simboleggiare la speranza della vita eterna”, ha scritto Kosloski.

“In altri luoghi i delfini rappresentano i cristiani, in modo simile a come i pesci possono essere usati nell’arte cristiana per rappresentare i seguaci di Cristo”.

Continua ad essere un mistero se questa focena in particolare abbia ricevuto una sepoltura cristiana o meno. Secondo de Jersey non è probabile che sia accaduta una cosa simile nel XIV secolo.

“È il tipo di cose un po’ stravaganti che si potrebbero trovare nell’Età del Ferro, ma non in epoca medievale”, ha affermato.

Tra le altre teorie c’è la possibilità che un monaco abbia sepolto il corpo della focena per nasconderlo, o che sia stato collocato in quel vano con del sale per preservarlo e poi sia stato dimenticato.

I resti della focena saranno esaminati da un biologo marino, che forse getterà un po’ di luce su come e perché questo animale sia stato sepolto tanto accuratamente nell’isola.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
cimiteromedioevomonaci
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Le assurde messe in prigione del cardinale Simoni: pensavano foss...
2
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
3
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
4
girl stop in the street
Claudio De Castro
“Vieni a trovarmi”, insisteva Gesù dal tabernacolo
5
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
6
Gelsomino Del Guercio
Le stigmate di Domenica Galeano, la veggente di Briatico, sono ve...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni