Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cosa nascondono le terribili profezie della Madonna de La Salette?

OURLADY
Condividi

E' ancora avvolta nel mistero la pubblicazione del "segreto". La Chiesa non riconosce i toni apocalittici. Si parla di guerre (anche tra Italia e Francia), terremoti e demoni sulla terra

L’INDAGINE DIOCESANA

Il 7 luglio 1847 il vescovo di Grenoble monsignor Filiberto de Bruillard chiede ai canonici Pierre-Joseph Rousselot e André Berthier (ora servo di Dio), entrambi professori al seminario maggiore di Grenoble, di condurre un’indagine dettagliata sull’apparizione, e redigere una relazione completa. Quest’ultima si conclude il 15 ottobre 1847. Il mese successivo il vescovo sottopone la relazione a una commissione di indagine di sedici esperti, sotto la guida del vescovo diocesano.

Quando la commissione termina i lavori, approva la relazione, con un solo parere contrario. Il vescovo però tentenna a dare l’approvazione ufficiale, perché il cardinale Bonald, arcivescovo di Lione, di cui la diocesi di Grenoble era suffraganea, è dubbioso.

LA TRASCRIZIONE DEI SEGRETI

Bonald non crede che l’apparizione sia autentica e sospetta un inganno. Allora chiede ai ragazzi di rivelargli i segreti, millantando di avere un mandato speciale dal Papa. I ragazzi acconsentono alla richiesta. Il 2 e il 6 luglio 1851 entrambi scrivono un resoconto dell’apparizione e i segreti che la Vergine Maria aveva loro comunicati. Il testo viene consegnato a papa Pio IX il 18 luglio 1851.

Il 19 settembre 1851, nel quinto anniversario dell’apparizione, con il via libera del Vaticano, il vescovo di Grenoble pubblica finalmente il suo Decreto Dottrinale che autorizza il culto de La Salette.

© Geisler Martin CC

LA DIFFUSIONE 

Dalla consegna del manoscritto originale nelle mani di Pio IX, nel 1851, ad oggi, circolano due versioni differenti del segreto. La sua prima diffusione avviene dopo il 1858. Ma la prima stesura dotata di approvazione ecclesiastica è differente, ed è quella pubblicata a Lecce il 15 novembre 1879, con l’Imprimatur del vescovo Salvatore Luigi Zola.

Melania, infatti, dal 1867 si è trasferita in Italia, a Castellammare di Stabia (dove conosce l’allora abate Zola che poi diventerà vescovo a Lecce), poichè i rapporti con l’episcopato francese sono diventati molto tesi dopo la prima diffusione, nel 1858, dell’apocalittico documento.

Le reazioni sul segreto sono diverse. Alcuni sostengono la sua autenticità, altri affermano che la stesura del segreto avrebbe risentito di influenze negative esercitate su Melania da alcune persone, considerati i toni catastrofici che si riscontrano nella presunta versione “originale” del 1851 e in quella “senza censure” pubblicata nel 1879, ancora più dura e spaventosa.

Man mano, la seconda tesi prevale e, con decreto della Santa Sede del 9 maggio 1923, il testo del segreto fu iscritto nell’Indice dei libri proibiti.

IL RITROVAMENTO NEL 1999

Dopo di che non si seppe più nulla di quel misterioso documento. Uno studioso francese, l’abbé Michel Corteville, impegnato a Roma in una ricerca per la sua tesi di laurea su La Salette, ha provvidenzialmente scoperto quei testi il 2 ottobre del 1999 nell’Archivio della Congregazione della Dottrina per la Fede.

LA PRIMA VERSIONE DI MELANIA

Cosa dicono i segreti? Ecco la “prima” versione di Melania, quella che sarebbe stata scritta nel 1851 (e diffusa dopo il 1858):

«Melania, sto per dirti qualcosa che non dirai a nessuno. Il tempo della collera di Dio è arrivato (…) se la faccia della terra non cambia, Dio si vendicherà contro il popolo ingrato e schiavo del demonio. Il mio figlio sta per mostrare la sua potenza.

Parigi, questa città macchiata da ogni sorta di crimini, perirà immancabilmente; Marsiglia sarà distrutta in breve tempo. Quando queste cose succederanno, il disordine sarà completo sulla Terra; il mondo si abbandonerà alle sue empie passioni.

Il papa sarà perseguitato da ogni parte, gli si sparerà addosso, lo si vorrà mettere a morte, ma non gli potranno far nulla. Il vicario di Cristo trionferà ancora una volta. I sacerdoti, i religiosi e i veri servi del mio figlio saranno perseguitati e molti moriranno per la fede di Gesù Cristo. Regnerà in quel tempo una grande fame. Dopo che saranno avvenute tutte queste cose, molte persone riconosceranno la mano di Dio su di loro e si convertiranno e faranno penitenza dei loro peccati.

Un grande re salirà sul trono e regnerà per alcuni anni. La religione rifiorirà e si espanderà su tutta la terra e la fertilità sarà grande, il mondo, contento di non mancare di nulla, ricomincerà con i suoi disordini e abbandonerà Dio e si darà in braccio alle sue passioni criminali.

Vi saranno anche dei ministri di Dio e delle spose di Gesù Cristo che si abbandoneranno ai disordini e questa sarà una cosa terribile; infine un inferno regnerà sulla Terra; sarà allora che nascerà l’Anticristo da una religiosa, ma guai ad essa: molte persone gli crederanno perché si dirà venuto dal cielo; il tempo non è molto lontano, non passeranno due volte cinquant’anni (….)»

(Melania Matthieu, pastorella di La Salette. Grenoble, 6 luglio 1851)

LA VERSIONE DI MASSIMINO

«Il 19 settembre 1846 noi abbiamo visto una bella signora (…) Ecco ciò che quella signora mi ha detto. Se il mio popolo continua, ciò che sto per dirti arriverà al più presto; se cambia un poco, sarà più tardi. La Francia ha corrotto l’universo, un giorno sarà punita. La fede si spegnerà in Francia. Un terzo della Francia non praticherà più la religione o quasi. L’altra parte la praticherà ma non bene …

In seguito le nazioni si convertiranno e la fede si riaccenderà dovunque. Una grande contrada del Nord dell’Europa, ora protestante, si convertirà e sull’esempio di quella contrada anche le altre nazioni del mondo si convertiranno. Prima che questo accada si verificheranno nella Chiesa grandi turbamenti e poco dopo il Santo Padre, il papa, sarà perseguitato. Il suo successore sarà un pontefice che nessuno s’aspetta.

Poco dopo giungerà una grande pace, ma non durerà a lungo. Un mostro verrà a turbarla. Tutto quello che vi dico accadrà nel prossimo secolo o al più tardi negli anni del duemila» (…)

(Massimino Giraud, Grenoble, 3 luglio 1851)

LA SECONDA VERSIONE DI MELANIA

Nella seconda versione del segreto riferito a Melania, pubblicata il 15 novembre 1879, la Vergine avrebbe detto:

(….) Il Santo Padre soffrirà molto. Ma io sarò accanto a lui e accoglierò i suoi sacrifici. Il trionfo del male non sarà assicurato per sempre). I governi temporali avranno tutti lo stesso fine, quello di abbattere le basi religiose dei popoli e disperderle, per fondare il materialismo, lo spiritismo e l’ateismo. Francia, Italia, Spagna e Inghilterra entreranno in guerra. I Francesi lotteranno contro i Francesi e gli Italiani contro gli Italiani. Ci sarà una grande guerra. Dio non sarà più onorato in Italia e in Francia, il Vangelo sarà completamente dimenticato. Il maligno entrerà in ogni casa. Molte grandi città saranno bruciate e quasi distrutte, altre inghiottite dai terremoti. (…)

(…) Un precursore dell’anticristo farà la sua comparsa e vorrà essere visto come il nuovo Dio. Le stagioni cambieranno, l’atmosfera anche; l’acqua e il fuoco provocheranno terribili terremoti e grandi distruzioni, montagne e città cadranno. Le stelle e la luna non avranno più la forza di risplendere. Roma perderà la fede e diventerà la sede dell’anticristo. I demoni dell’aria produrranno fenomeni prodigiosi nell’aria e sulla Terra. Gli uomini diventeranno sempre peggiori. Ma Dio si occuperà sempre dei suoi più fedeli servitori e degli uomini di buona volontà. Il Vangelo sarà predicato ovunque; tutti i popoli e tutte le nazioni conosceranno la verità di Dio (…)

(le trascrizioni del segreto sono riprese dal volume “I segreti de La Salette” di monsignor Antonio Galli)

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.