Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I Millennials: vogliono un lavoro, lasciare il segno e una poltrona a sacco (VIDEO)

Condividi

Ma è tutta colpa loro? No, dei genitori e dell'ambiente. Quello che manca davvero è una leadership positiva. Lo dice l'esperto di marketing e motivatore Simon Sinek

Fa pensare che a tradurre il testo di questo faccia a faccia strepitoso tra Simon Sinek ed l’attore e company-founder Tom Bilyeu siano stati proprio dei Millenials.

Ragazzi nati dopo il 1984 che hanno in comune alcune caratteristiche, la più importante e decisiva delle quali è che pensano sia loro tutto dovuto. Sono narcisisti, egoisti, pigri, dispersivi, insicuri, incapaci di sopportare livelli normali di stress, non in grado di costruire relazioni profonde e durature…E pensano sia loro tutto dovuto.

Sì, sono studenti universitari di stanza a Venezia che hanno messo i sottotitoli in italiano. Per questo possiamo aggiungere a questa lista, impietosa, anzi no pietosa perché vera, che stende Simon Sinek che hanno capacità di autocritica; che forse cercano, chiedono aiuto. E che non sono solo quella lista. Nemmeno Simon lo pensa ma fa davvero un servizio a questa generazione e a quella dei genitori di questa generazione per molti versi sfortunata individuando con precisione le debolezze e i rischi. Enormi soprattutto quelli portati dalla continua, epocale, pandemica esposizione alla tecnologia e all’uso dei social. Ne parla come di una vera dipendenza per gli effetti reali che ha su di loro (e noi). Il risultato di questi fattori e di strategie educative disastrose hanno reso questi ragazzi e uomini incapaci di felicità, con livelli di autostima bassissimi, incapaci di gestire frustrazione e stress e di esercitare vere competenze relazionali. Non è colpa loro, dice. Manca una vera leadership positiva. (O forse non l’hanno ancora incontrata?)

Hanno però senza dubbio la possibilità di giocarsi fino in fondo la loro responsabilità alle condizioni che si sono trovati. E questo vale per ogni generazione.

(Sottotitoli in italiano ad opera degli Universitari di Venezia)

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni